Erika De Nardo scrive una lettera: "Omar indegno, speculi sulla mia famiglia"

Scritto da: -

A dieci anni dalla strage di Novi Ligure, la ragazza torna libera e scrive una lettera al suo ex complice e fidanzato.

denardo-comunità.jpg
Oggi, a 10 anni dalla strage di Novi Ligure, Erika De Nardo è libera. Undici anni e 96 coltellate dopo aver infierito su Giusy Cassini e Gianluca De Nardo, Erika torna in libertà e scrive una lettera al suo complice di allora, Omar Favaro. Lettera piena di rancore, di accuse e di parole pesantissime nei confronti del suo ex ragazzo.

Era il 21 febbraio 2001: Erika aveva 16 anni. Agì in compagnia di Omar, suo coetaneo, per far fuori la madre e il fratellino di 11 anni. Erika ha scontato la pena tra il carcere minorile Beccaria di Milano e quello di Verziano, nel Bresciano. Da qualche mese, viveva nella comunità religiosa della Fondazione Exodus.

Durante il periodo di detenzione, Erika si è diplomata e poi laureata in Filosofia con 110 e lode. E’ possibile che la 27enne rimanga in comunità a fare volontariato.

Omar è libero dal 3 marzo 2010 e con la ragazza i rapporti sono ormai tesi da tempo. Così, Erika ha deciso di festeggiare la sua libertà con una lettera pubblicata da Qn - Quotidiano Nazionale. Ha accusato Omar di voler strumentalizzare la sua famiglia, facendosi fotografare sulle tombe della madre e di Gianluca.

Questo il testo integrale della lettera:

“Si vede chiaramente quanto sei viscido e senza dignità. Usare mai madre e mio fratello per farti popolarità. Per farti dei soldi ti sei fatto fotografare al cimitero da loro, ma non ti vergogni, hai reso un sacco di dichiarazioni false, ma non mi stupisce da un vile come te, ma recarti al cimitero e farti fotografare è una cosa da indegno quale tu sei. Ti chiedo per l’ultima volta di smetterla di speculare sulla mia famiglia, di certo così non trovi lavoro, sempre che tu non voglia fare il Grande Fratello. Adesso basta spero che tu abbia capito che devi vivere senza continuare a legarti alla mia famiglia ma come Omar Favaro. È ora che tu spenga i riflettori su di noi”.

lettera-erika.jpg

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!  
 
Aggiorna
  • nickname Commento numero 1 su Erika De Nardo scrive una lettera: &quote;Omar indegno, speculi sulla mia famiglia&quote;

    Posted by:

    Da che pulpito! La detenzione avrà anche fatto il suo corso di redenzione su Erika ma, difendere l'immagine della famiglia dopo aver partecipato a quell'atto orribile, mi sta molto stretto. Grazie Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 2 su Erika De Nardo scrive una lettera: &quote;Omar indegno, speculi sulla mia famiglia&quote;

    Posted by:

    E' vergognoso pensare che sta ragazza sia già fuori...... con solo dieci anni di condanna scontati....per tutto quello che ha fatto.....spero solo che il rimorso la accompagni per tutta la vita.....ma sono sicuro che non sarà così...e che non si sia mai davvero pentita di ciò che ha fatto.....e se OMAR dice che lei non ha mai detto tutta la verità sul delitto...che motivo avrebbe di mentire??? io credo più a lui.....che a lei.....RIPETO è una vergogna..... solo in ITALIA c'è la certezza della NON PENA...... Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 3 su Erika De Nardo scrive una lettera: &quote;Omar indegno, speculi sulla mia famiglia&quote;

    Posted by:

    io la potrei sposare la adoro non perdono ciò che abbia fatto ... ma vorrei diventare la sua famiglia e portarla lontana da qui e da voi  Scritto il Date —