Minatori del Sulcis: stop alla protesta, l'impianto non chiuderà a fine anno

Scritto da: -

Terminata la protesta dei minatori di Nuraxi Figus, che hanno deciso di tornare in superficie dopo aver vissuto diverse settimane a 373 metri di profondità.

sulcissssssss.jpg

Stop all’occupazione dei pozzi, si torna in superficie. È terminata la protesta dei 120 minatori della Carbosulcis, in Sardegna, che si erano barricati lo scorzo 27 agosto a 373 metri di profondità nella miniera sarda di Nuraxi Figus, a Gonnesa, nel Sulcis. Una decisione arrivata al termine di una lunghissima assemblea, dove si è discusso l’esito degli incontri di venerdì a Roma con il il ministero dello Sviluppo, il quale aveva lasciato aperto uno spiraglio di speranza. Secondo l’idea dell’Esecutivo la miniera “non subirà la paventata interruzione dell’attività al 31 dicembre”.

Dopo l’incontro con il governo, infatti, si è deciso di proporre al Parlamento una proroga della scadenza prevista dalla legge 99 del 2009 per il bando di affidamento della concessione. Il tutto, ovviamente, per consentire un prolungamento del lavoro nella miniera e, dunque, anche dei minatori. Il sottosegretario allo Sviluppo, Claudio De Vincenti: “Si potrebbero anche ottenere delle proroghe di sei mesi fino, al massimo, ad un anno”, le sue parole.

L’assemblea dei minatori ha deciso comunque di proseguire la mobilitazione, passando al blocco della discarica di ceneri e gessi. L’obiettivo è quello di avere maggiori garanzie sul rilancio della miniera e, in particolare, sul progetto carbone-centrale Sulcis.

Foto infophoto.it

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!  
 
 

© 2004-2014 Blogo.it, alcuni diritti riservati sotto licenza Creative Commons.
Per informazioni pubblicitarie e progetti speciali su Blogo.it contattare la concessionaria esclusiva Populis Engage.

Cronacaeattualita.blogosfere.it fa parte del canale Blogo News di Blogo.it Srl socio unico - P. IVA 04699900967 - Sede legale: Via Pordenone 8 20132 Milano