Marò

Salvatore Girone e Massimiliano Latorre sono i due marò italiani accusati in India di aver ucciso due pescatori durante un'azione antipirateria al largo della costa del Kerala. La vicenda risale al 15 febbraio 2012 ed è all'origine della crisi diplomatica tra Italia e India. L'incidente è avvenuto in acque internazionali (e quindi la giurisdizione sarebbe italiana) o nella "fascia contigua" (che garantisce la giurisdizione all'India)? I due marò sono stati arrestati il 19 febbraio 2012, potendo comunque godere di permessi e fare il loro ritorno in Italia. Uno di questi permessi, nel febbraio 2013, ha creato un ulteriore scontro tra i due paesi, quando l'allora ministro degli Esteri Giulio Terzi annunciò, rimangiandosi poi tutto, che i due marò non avrebbero fatto ritorno in India. Girone e Latorre sono ancora in attesa del processo, mentre continuano a rincorrersi le voci sul rischio che vengano condannati alla pena di morte.

I due marò rischiano la pena di morte? L'India smentisce

Le leggi sulla navigazione del codice indiano affermano che Latorre e Girone possono essere puniti con la morte. Sulla... Continua...

Marò, settimana decisiva. De Mistura: “ci sarà una soluzione rapida”

Marò, 11 novembre: la settimana in corso dovrebbe essere decisiva. Interrogatorio di altri 4 marines italiani. Continua...