Femminicidio in Italia: la 'bacheca degli assassini', per riflettere

Dalle minacce agli omicidi: un almanacco del femminicidio in Italia, un fenomeno inarrestabile.

femminicidio.jpg


Persone all'apparenza 'normali': coppie serene, vicini modello, mai un problema. E una lunga scia di sangue, che corona le parole 'raptus', 'gelosia', 'separazione'. Oppure 'amante', 'figli illegittimi' e, inevitabilmente, 'castelli di bugie'.

Soltanto ieri a Loria, nel Trevigiano, un impiegato di 34 anni ha preparato un agguato per la moglie 30enne: l'ha aspettata in garage e ha cercato di ucciderla, soffocandola e incendiando l'auto sulla quale l'aveva caricata. La donna si è salvata per miracolo (fonte Corriere).


Perchè tutto questo?


"Non la sopportavo più e non mi ha lavato la tuta del calcetto"


Per riflettere su una piaga che non sembra volersi arrestare, parliamo ovviamente del femminicidio, Emanuela Valente ha raccolto per mesi nomi, foto, storie, documenti processuali, link di articoli, telegiornali e trasmissioni televisive. E ha creato una vera e propria 'bacheca degli assassini' (visibile a questo link).


Il sociologo Marzio Barbagli spiega sul Corriere che:


"Non è che oggi siano uccise più donne rispetto a una volta. Quella che è cambiata però, grazie a Dio, è la percezione della gravità del fenomeno"


La curatrice del progetto non ha inserito tutte le donne assassinate negli ultimi anni, ma ha scelto quelle ammazzate "a causa di un 'amore' malato, patologico, delirante [...] a causa dell'idea di 'possesso' che avevano i loro assassini".


Drammaticamente quasi tutte le donne uccise avevano già subito minacce e violenze: la maggior parte non ha mai denunciato e chi invece l'ha fatto non ha ricevuto protezione.


Come se non bastasse molti assassini non sono stati puniti severamente, e hanno ricevuto condanne ridotte più volte, nonostante la gravità del reato commesso o le recidive.

  • shares
  • +1
  • Mail
4 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO