Cina: inala monossido di carbonio e inizia a parlare in inglese

Un caso simile in Inghilterra: dopo un violento mal di testa, una donna iniziò a parlare con accento cinese.

A donna cinese

Una strana storia da X-Files arriva dalla lontana Cina. Una donna di 28 anni, Chen Jia, della provincia dell'Hubei - secondo quanto racconta lo Shangai Daily - dopo aver inalato monossido di carbonio da un barbecue, ha dimenticato la lingua madre cinese e ha cominciato a parlare correttamente in inglese. Inizialmente, la 28enne aveva perso anche l'uso delle gambe che poi, grazie a un periodo di intensa riabilitazione, ha riacquistato.

Niente da fare, invece, per il cinese. Nella cittadina di Wuhan tutti parlano di questo episodio. Prima dell'incidente, infatti, Chen Jia aveva già alcuni rudimenti dell'inglese, ma non era la sua prima lingua. Deng Hongwei, medico che ha in cura la donna, cerca di minimizzare: "Non è così anomalo. Quando pazienti che conoscono più di una lingua subiscono danni cerebrali, può accadere che perdano la capacità di parlare una lingua senza dimenticare l'altra".

C'è in effetti un caso simile. Una donna di 38 anni, in Inghilterra, dopo una violenta emicrania iniziò a parlare con accento cinese. La 38enne è tuttora in cura a tre anni di distanza. Il caso più recente, in ogni caso, è ancora più sorprendente. Per ricominciare a parlare cinese, probabilmente, a Chen servirà un lungo periodo a scuola. Nel frattempo, l'inglese che prima era scolastico ora è la sua nuova lingua madre.

Più che un X-Files, comunque, un caso medico. Da studiare approfonditamente. Un caso che sarà sicuramente al centro di convegni e congressi per chi studia il cervello umano.

  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO