È morto suicida Carlo Lizzani: a 91 anni si è gettato dal terzo piano

Alle 15 di sabato 5 ottobre si è gettato dal balcone della sua casa romana.

Carlo Lizzani è morto oggi pomeriggio, verso le 15, dopo essersi gettato dal terzo piano, dal balcone di casa sua che si trova in via dei Gracchi a Roma, nel quartiere Prati.
Aveva compiuto 91 anni il 3 aprile scorso. Attore, regista, sceneggiatore e produttore cinematografico, ma anche critico e saggista, è stato direttore della Mostra del Cinema di Venezia dal 1979 al 1982.

Settimana nera per il mondo del cinema italiano che ha registrato due gravi perdite: dopo Giuliano Gemma, morto a causa di un incidente automobilistico, ci lascia anche Carlo Lizzani, suicidandosi, come aveva fatto Mario Monicelli. Ha scritto un biglietto, ma i famigliari non hanno praticamente fatto in tempo a leggerlo perché è stato sequestrato dagli investigatori. Il figlio Francesco ha detto: "Se vivessimo in un Paese più civile saremmo liberi di fare certe scelte in modo meno cruento", facendo evidentemente riferimento all'eutanasia. I vicini hanno detto che da tempo il regista sembrava depresso. Sono state alcune persone che vivono nello stesso stabile a trovare il corpo nel cortile del condominio di via dei Gracchi.

Tra i suoi lavori più noti da regista ricordiamo il suo film d'esordio Achtung! Banditi, del 1951, arrivato dopo alcuni importanti documentari, poi Cronache di poveri amanti, tratto dal libro di Vasco Pratolini, Lo svitato, Il gobbo, Il processo di Verona, Banditi a Milano, Barbagia (La società del malessere), Roma bene, Torino nera, Caro Gorbaciov, Celluloide, Fontamara, tratta dal libro di Signazio Silone, fino ai più recenti come Operazione Appia Antica, La passione di Angela e alcune miniserie tv.

Lizzani era stato sceneggiatore nel periodo neorealista per direttore come Aldo Vergano, Roberto Rossellini, Alberto Lattuada e Giuseppe De Santis .
Nel 1996 era stato nominato Grande ufficiale dell'Ordine al Merito della Repubblica Italiana e nel 2002, di iniziativa del Presidente Carlo Azeglio Ciampi, anche Cavaliere di gran croce. Numerosi i riconoscimenti in ambito cinematografico e nel 1999 anche una laurea honis causa in Scienza della Comunicazione.
Negli ultimi ani si era dedicato all'attività di tutor di un corso biennale di Filmaker dell'Accademia Act Multimedia di Cinecittà, nell'ambito del quale era anche docente, con Vittorio Giacci, di Neorealismo.
Ricordiamo inoltre che era autore di un testo di Storia del cinema italiano.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO