Terremoto 7 ottobre 2013: scossa in provincia di Messina

Il sisma di magnitudo 3 era stato preceduto da un'altra scossa, di grado inferiore, sempre nella stessa zona.

Niente danni a persone o cose

Alba di paura in provincia di Messina, a causa di una scossa di terremoto che si è verificata alle 6.44 di oggi sulle coste settentrionali della Sicilia. Secondo i rilevamenti dell'Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia, l'ipocentro è stato a 4,4 chilometri di profondità, l'epicentro nei comuni di Basicò, Falcone, Funari e Mazzarà Sant'Andrea, Oliveri, Rodì Milici, Tripi e Terme Vigliatore.

Il sisma è stato di magnitudo 3. Al momento non si hanno segnalazioni di danni a persone o cose. Come segnala Centro Meteo Italiano, la zona interessata è quella del distretto sismico di Patti e Milazzo. Coinvolti dalla scossa anche altri comuni a 20 - 30 chilometri dall'epicentro: Barcellona Pozzo di Gotto, Castroreale, Fondachelli - Fantina, Gioiosa Marea, Librizzi, Merì, Milazzo, Montagnareale, Montalbano Elicona, Novara di Sicilia, Patti, Raccuja, San Piero Patti e Sant'Angelo di Brolo.

La scossa più forte era stata preceduta, due ore prima, da un'altra di magnitudo 2,5. Era stata registrata dall'Ingv nello stesso distretto alle 4.40. E ancora, alle 4.14 era stato avvertito un altro terremoto, di magnitudo 2.3 e a una profondità di 140,9 chilometri, poco distante, sul litorale di Villafranca Tirrena. In questo caso, però, la scossa non è stata avvertita dalla popolazione.

Secondo l'Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia, il terremoto delle 4.14 rientra nell'attività del distretto sismico delle Isole Eolie. La scossa delle 6.44 è stata invece avvertita distintamente dalla popolazione messinese che ha telefonato ai vigili del fuoco spaventata.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO