Palermo, incendio a Termini Imerese, distrutti due capannoni

Divampato nella notte e spento in circa sei ore.

Intorno alle 3 della notte tra il 18 e il 19 ottobre si è verificato un terribile incendio nella zona industriale di Termini Imerese. In circa sei ore i vigili del fuoco sono riusciti a riportare la situazione sotto controllo e fortunatamente non ci sono stati feriti, mentre tutti i danni materiali sono coperti da assicurazione. Occorrerà in ogni caso valutare al meglio che cosa è successo per capire di che tipo di incendio si è trattato.

Le fiamme hanno distrutto due capannoni della società Lvs Srl di Gaetano Rubino, 44 anni, che si trova in contrada Canne Maschie e si occupa di raccolta differenziata. All'interno c'erano cinquanta tonnellate di rifiuti. È andato distrutto anche un altro deposito, in questo caso conteneva detersivi, di proprietà di Giovanni Battista Lo Piccolo, 40 anni.

Ciò che colpisce è che poco più di un anno fa, il 26 settembre 2012, la stessa ditta era stata colpita da un altro incendio e anche in quel caso si erano levate fiamme molto alte. In seguito l'Arpa ha dovuto controllare l'aria, cosa che probabilmente dovrà fare anche questa volta, visto che nel deposito ci sono carta, plastica e altri rifiuti ingombranti. In quella occasione la causa era stata individuata in una scintilla prodotta da una macchina per triturare i materiali, da lì le fiamme avevano poi raggiunto un ammasso di materassi, alimentando ancora di più l'incendio.

Le squadre Nbcr dei vigili del fuoco sono riuscite a domare l'incendio, sono il gruppo specializzato e pronto a intervenire quando ci sono pericoli per l'inquinamento dell'aria. Ora le indagini proseguiranno per capire la dinamica dell'incendio.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO