Siria, scambio di prigionieri: liberate 62 donne detenute

Nello scambio di prigionieri liberati anche nove sciiti libanesi e due piloti turchi

Negli ultimi due giorni il governo siriano ha rilasciato 62 donne detenute nell’ambito di uno scambio di prigionieri, mediato dal Qatar, per la liberazione di alcuni prigionieri della fazione di ribelli, la Brigata “Tempesta del Nord”. Secondo fonti della stessa brigata, facente parte del Libero Esercito Siriano composto in massima parte da disertori, nell’accordo oltre alla liberazione delle donne è rientrata anche quella di nove sciiti libanesi rimasti ostaggio in Siria per diciassette mesi consecutivi, con l’accusa di spionaggio a favore dei servizi segreti di Damasco.

Possiamo aspettarci altre liberazioni, ma non abbiamo la conferma che questo avverrà,

ha detto il giornalista di Al Jazeera Hoda Abdel - Hamid, dalla valle Bakaa.

I nove ostaggi sciiti libanesi detenuti dai ribelli nel nord della Siria sarebbero stati scambiati sabato con due piloti turchi detenuti in Libano dal mese di agosto.

Il rilascio di decine di donne faceva parte della mediazione organizzata da Turchia, Qatar e Libano. La maggior parte delle donne detenute sono state liberate nei pressi di Masnaa, vicino al confine libanese e molte di loro hanno già fatto ritorno alle loro case in Siria.

Secondo gli attivisti il governo siriano detiene decine di migliaia di persone, molte delle quali rinchiuse senza regolare processo. Inoltre, secondo i gruppi per i diritti umani, la tortura e i maltrattamenti sono sistematici nelle carceri siriane.

Via | Al Jazeera

Foto © Getty Images

  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO