Il sito dell'Nsa sotto attacco hacker? Anonymous conferma, l'agenzia smentisce

Il gruppo di pirati informatici avrebbe usato la tecnica del "distributed denial of service".

Cos'è successo davvero al sito dell'Nsa, l'agenzia per la sicurezza americana al centro dello scandalo del Datagate? Quel che è sicuro è che il sito web ufficiale è andato in down per parecchie ore. Immediatamente si è pensato a una ritorsione di hacker contro l'agenzia che pratica lo spionaggio informatico ai danni di privati cittadini. Cosa confermata dagli hacker di Anonymous, che già da un paio di giorni minacciavano l'Nsa, come si legge in questo tweet.


Se ne dedurrebbe quindi un'azione di rappresaglia, messa a segno utilizzando la tecnica del distributed denial of service (DDoS), ovvero un sovraccarico di traffico creato indirizzando una marea di contatti a disposizione dei pirati informatici contro il sito preso di mira. Il tutto viene però smentito dalla stessa Nsa, che parla di problema tecnico:

"Nsa.gov è rimasto inaccessibile questa sera per diverse ore a causa di un errore interno verificatosi durante una programmata operazione di aggiornamento. Le affermazioni secondo cui l’interruzione è stata causata da un attacco ‘distributed denial of service’(DDoS) non sono vere"

E in effetti adesso il sito ha ripreso a funzionare, anche se è difficile capire quanta attendibilità possano avere le affermazioni della Nsa, dal momento che per un'agenzia di questo tipo vedere il sito andare in down sotto l'attacco di un gruppo hacker è più di un'umiliazione, è soprattutto una manifestazione di debolezza e di poca sicurezza dei dati riservati che nel database sono conservati.

  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO