Occupazioni a scuola: costano 1000 euro al giorno, la proposta alternativa dei presidi

L'occupazione a scuola costa, l'Associazione nazionale presidi (Anp) suggerisce la cogestione

Ottobre è quasi finito, alcune manifestazioni, per quanto riguarda il mondo della scuola, ci sono già state, ma l'autunno caldo non è ancora entrato nel vivo. Con esso lo strascico di scioperi e occupazioni, che l'anno scorso hanno messo a rischio il raggiungimento dei 200 giorni minimi di lezione previsti per rendere valido l'anno scolastico.

Occupare scuola costa ogni giorno 1000 euro (a classe). La cifra shock è stata resa nota dall'Associazione nazionale presidi (Anp) che ha effettuato alcuni calcoli, come riporta il Corriere.

Antonio Petrolino dell'Anp ha spiegato:

"Uno studente costa allo Stato circa 8 mila euro l'anno, cioè 40 euro al giorno di lezione. Una classe di 25 studenti ne costa mille. Il fermo di una scuola di 30 classi ne costa 30 mila, sempre al giorno"

In due giorni di occupazione, e conseguente sospensione delle lezioni una scuola di medie dimensioni brucia

"l'equivalente di quanto riceve in un anno di finanziamenti"

Vengono anche conteggiati gli stipendi dei docenti e del personale. Non si perdono quindi solo giorni di lezione, ma anche soldi, che non verranno ovviamente recuperati. In altri termini si tratta di spreco di denaro pubblico bello e buono.

Pertanto i presidi propongono soluzioni alternative, ovvero la cogestione: si tratta di un periodo in cui studenti e professori possono gestire insieme la didattica, magari per trattare temi che stanno a cuore ai ragazzi. La cogestione è stata sperimentata a Roma l'anno scorso da alcuni presidi.

Molti inoltre restano fermi su un punto: in caso di proteste 'illegali' saranno introdotte norme che prevedano sanzioni dal punto di vista disciplinare per "permanenza illecita nella scuola, utilizzo non autorizzato di aule, ingresso non autorizzato di esterni all'istituto". Tenendo denunce e sgomberi sempre come soluzione estrema.

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!  

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO