Pedofilia online, arresti e denunce in tutta Italia

3 arresti e 53 denunce in un'operazione antipedofilia della Polizia Postale: sequestrati 82.000 Gb di materiale pedopornografico

Vasta operazione della Polizia Postale questa mattina, che ha eseguito perquisizioni ed arresti lungo tutto lo Stivale nell'ambito di un'indagine anti pedofilia: tre persone sono state arrestate, ritenute responsabili dei reati di detenzione e divulgazione di materiale pedopornografico audio e video, mentre altre 53 sono state denunciate a piede libero.

L'operazione, coordinata da Roma, ha visto arresti e perquisizioni in Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Emilia Romagna, Lombardia, Marche, Piemonte, Puglia, Sardegna, Sicilia, Toscana, Trentino Alto Adige, Umbria e Veneto.

L'indagine italiana è scaturita dopo che la polizia criminale di Hannover aveva fornito ai nostri inquirenti vari indirizzi IP riconducibili ad altrettanti utenti italiani che avrebbero prodotto, condiviso, divulgato e detenuto diversi filmati digitalizzati contenenti materiale pedopornografico: i coinvolti erano tutti maschi e femmine minorenni ripresi in espliciti atti sessuali.

Dai primi accertamenti la Polizia Postale di Roma è riuscita a risalire a varie utenze telefoniche associate agli indirizzi IP dalle quali, ad un controllo più accurato, sono risultati numerosi accessi a software per scaricare gratuitamente i files e a classici torrent.

Le giovani vittime, tutte al di sotto dei 10 anni, alcune evidentemente al di sotto dei 5, venivano riprese e gettate in pasto al web: i video venivano scambiati e commercializzati in un mercato variegatissimo, con uomini dai 25 ai 75 anni pronti a spendere anche cifre importanti per poter acquisire il film proibito.

Con l'attività di analisi sul materiale sequestrato si potrà tentare di identificare i minori vittime degli abusi.

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 5 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO