Maltempo: in Veneto la situazione comincia a migliorare

Si allenta la morsa del maltempo sull'Italia: la Protezione Civile dispone l'evacuazione di Bovolenta (Pd)

ITALY-WEATHER-FLOODS

5 febbraio. Sta scendendo il livello dei fiumi in Veneto, anche se l'allerta per il maltempo rimane ancora in vigore. Nel pomeriggio, comunque, la pioggia dovrebbe diminuire di intensità. Le situazioni più critiche a Montegrotto Terme e nei paesi vicini al fiume Bacchiglione. Numerosi gli allagamenti anche nel padovano. Nel complesso si contano 600 sfollati.

Aggiornamento 21:25 - Continuerà almeno fino a giovedì mattina la stretta del maltempo sui cieli italiani: è allerta neve in Lombardia, la segnalazione arriva dalla Protezione Civile, secondo la quale nelle prossime ore sono attese nevicate mediamente al di sopra dei 7-900 metri.

Scendendo lungo la pianura le precipitazioni si trasformeranno via via in rovesci, con precipitazioni sparse su Lombardia, Liguria e Sardegna, in estensione domani a Veneto e Friuli-Venezia Giulia. E' proprio in Veneto dove in queste ore si vivono le problematiche più complesse: valevole oggi e domani, la Regione Veneto ha diramato lo stato di criticità rossa per i bacini idrici del territorio regionale, mentre per le restanti aree e per il Friuli Venezia-Giulia l'allerta resta arancione.

Criticità arancione anche per buona parte dell’Emilia Romagna, del Lazio e per la Basilicata. Tutte le altre Regioni interessate dal maltempo sono indicate in criticità gialla.

Aggiornamento 15:13 - E' tornata la pioggia sulla Capitale ed è nuovamente salito il livello di attenzione delle autorità: i sindacati hanno annunciato l'annullamento dello sciopero dei mezzi pubblici previsto per domani mentre la Provincia di Frosinone chiederà lo stato di calamità per i danni causati dall'emergenza maltempo in Ciociaria. A Roma il sindaco Marino ha annunciato numerosi interventi di ripristino:

"Abbiamo deciso che non si poteva attendere oltre per dare un aiuto iniziale a chi si trova in gravissima difficoltà: per questo mettiamo immediatamente a disposizione 10 milioni di euro che possano essere utilizzati per interventi di manutenzione stradale e scolastica e per fare acquistare suppellettili a quelle famiglie che in questo momento non hanno un letto, un materasso o la cucina. [...] Si tratta di interventi che possono immediatamente alleviare le sofferenze di tante romane e romani."

mentre i Vigili del Fuoco sono ancora alle prese con la messa in sicurezza di un barcone sul Tevere degli stessi Vigili del Fuoco:

1507613_10202450885746716_625793716_n

Nel frattempo, a causa della fitta pioggia, una frana è caduta in via Borgo Canale a Bergamo. La strada è stata chiusa al traffico: nessuno è rimasto ferito. Resta invece alta l'allerta meteo in Veneto, la regione più colpita in queste ore di maltempo: il governatore Luca Zaia ha dichiarato lo stato di calamità naturale per fare fronte all'emergenza.
A Cortina e in altri paesi in provincia di Belluno si rischiano crolli dei soffitti per la quantità di neve accumulata sui tetti.

Al sud invece è la Calabria la regione più critica: a Oriolo (Cosenza), vicino al confine con la Basilicata, si è verificata una frana che ha provocato la chiusura della strada statale 481 "valle del Ferro", mentre altre frane e smottamenti si registrano nelle provincie di Cosenza, Catanzaro e Vibo Valentia.

Il maltempo allenta lievemente la sua morsa sul Belpaese ma è ancora presto per tirare un sospiro di sollievo: continua a piovere su quasi tutta l'Italia, con particolari criticità sul Veneto, la Puglia e la Calabria, mentre nel Lazio è stato diramato un'allerta per criticità idrogeologica e rischio idraulico.

Se a Roma la situazione volge verso un netto miglioramento, come potete notare nella foto scattata dal sottoscritto questa mattina c'è anche un pallido sole, il Prefetto Giuseppe Pecoraro, analizzando le criticità ancora in corso a causa degli allagamenti, ha stabilito di mantenere un costante monitoraggio, mentre la Regione Lazio ha emesso un avviso per le prossime 36 ore.

63580_10152169047843050_1362790179_n

Il Veneto vive invece ore drammatiche: la Protezione Civile regionale ha dichiarato lo stato di allarme per rischio idraulico sui territori dei Comuni rivieraschi del fiume Gorzone, mentre restano sotto strettissima sorveglianza i fiumi, il Bacchiglione a Vicenza e Padova, l'Adige nel Veronese, il Brenta.

E' stata inoltre disposta l'evacuazione degli abitanti di Bovolenta (Padova) che saranno ospitati a Polverara, a causa del colmo di piena del Bacchiglione, che ha raggiunto il livello dell'alluvione del 2010: per capire l'entità della crisi, solo nella giornata di ieri risultavano disalimentate un totale di 122 utenze lettriche Enel nel territorio provinciale.

Al sud non va certo meglio: ieri notte tre giovani donne sono morte e due persone sono rimaste ferite in un incidente stradale avvenuto sulla strada provinciale 112, a Terlizzi (Ba), mentre in Calabria sono decine gli interventi dei Vigili del Fuoco e della Protezione Civile per la messa in sicurezza di numerosissime frane che hanno interessato l'intero territorio della Regione Calabria: situazioni critiche sono segnalate nelle province di Catanzaro, Crotone, Reggio Calabria e Vibo Valentia.

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO