Australia: Toyota sospende produzione, 4 mila posti di lavoro in fumo

Secondo il responsabile sindacale, la decisione della casa giapponese potrebbe innescare la recessione economica nel Paese.

Entro la fine del 2017, Toyota Motor cesserà la produzione di auto in Australia. Lo ha annunciato la stessa casa produttrice di veicoli, che si aggiunge a Ford, che chiuderà un anno prima con la perdita di oltre mille posti di lavoro, e a General Motor Holden, che abbandonerà nel 2017 con altri 3 mila lavoratori presumibilmente a spasso.

"Una serie di fattori negativi, come un mercato estremamente competitivo e un dollaro australiano solido, insieme alle previsioni di una riduzione delle produzioni di veicoli in Australia, ci hanno costretto a prendere questa dolorosa decisione" ha fatto sapere Akyo Toyoda, il presidente del gruppo Toyota, che impiega circa 4 mila persone all'impianto di Melbourne.

Secondo il sindacato Amwu, la chiusura di Toyota è destinata ad avere un impatto devastante sull'industria australiana: potrebbe anche causare una recessione economica. Dave Smith, segretario per il settore veicoli, così ha commentato l'annuncio giapponese: "E' un disastro completo. La magnitudine di questa decisione per la comunità non può essere sottovalutata".

Max Yasuda, presidente e Ceo di Toyota Australia, ha aggiunto: "Abbiamo fatto tutto il possibile per trasformare il nostro business, ma la realtà è che vi sono troppi fattori fuori del nostro controllo. Anche se la compagnia ha registrato profitti nel passato, le nostre operazioni manifatturiere hanno continuato a essere in perdita, nonostante i nostri migliori forzi".

Toyota chiude in Australia

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO