Tempesta di neve negli Stati Uniti: 11 morti e città paralizzate

Situazione drammatica a Charlotte, South Carolina, con migliaia di persone bloccate in ingorghi.

Una nuova tempesta si è abbattuta sugli Stati Uniti poche settimane dopo la fine dell'incubo della Tempesta di New York. A essere colpito da un'ondata di gelo questa volta è però tutta l'area centro orientale, dal New Jersey fino a Houston, nel Texas. Undici persone sono già morte a causa delle centinaia di incidenti stradali che si sono ripetuti e 4mila voli sono stati cancellati nella giornata di oggi.

A essere colpita con maggiore intensità è l'area del sud est: il gelo sta mettendo a dura prova Georgia, il Texas, il Tennessee, l’Alabama, il Mississipi, la North Carolina e la Carolina del Sud. Quest'ultima è addirittura bloccata, a causa del ghiaccio sulle strade che ha causato ingorghi tali da paralizzare la città. Auto abbandonate in strada e scenario quasi apocalittico a causa anche dei black out che hanno lasciato al buio mezzo milione di persone.

Insomma, non è un inverno semplice quello che stanno attraversando gli Stati Uniti, tanto che il presidente Obama ha dichiarato lo stato di emergenza in Georgia e Carolina del Sud. La situazione peggiore è quella che si registra però a Charlotte, in Carolina del Sud: gli ingorghi e gli incidenti hanno bloccato la città, le persone si sono trovate con le sole alternative di abbandonare la macchina (peggiorando la situazione) o passare ore nelle loro auto preda del gelo. Migliaia di persone si sono trovate così incastrate in code infinite.

Oggi la tempesta si sposterà più a nord, colpendo nuovamente New York, Washington e Boston. Sono attesi tra i 20 e i 30 centimetri di neve

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO