Pakistan: attentato contro autobus dell'esercito, 13 morti

Un attentatore suicida si è lanciato con il suo automezzo contro il pullman, facendo una strage,

Un kamikaze a bordo di un'autobomba ha colpito oggi un autobus dell'esercito del Pakistan: nell'attentato, tredici persone sono morte. Secondo fonti della polizia, sul pullman c'erano una cinquantina di soldati. I feriti sarebbero 47. L'operazione è stata condotta nei minimi dettagli: l'autobus, infatti, è stato colpito mentre era in manovra e stava effettuando l'inversione di marcia all'uscita da un centro di addestramento della polizia di Karachi.

Dodici dei feriti sono in condizioni critiche. La strage è l'undicesima dall'avvio dei negoziati di pace del 29 gennaio scorso tra il governo di Islamabad e i talebani del Tehrek-e-Taliban Pakistan: praticamente, si va avanti al ritmo di un attentato al giorno. Tra le vittime di quello di oggi, si segnala anche la presenza di alcuni civili. Lo riferisce il sito Dawnnews.

Negli ultimi tre giorni, tre sono stati gli attentati. Karachi è da tempo al centro di scontri etnici e politici. Ieri, il capo di una milizia anti-talebana era stato ucciso a Peshawar insieme a otto membri della sua famiglia. Martedì scorso un commando aveva assaltato un cinema, lanciando granate tra gli spettatori che guardavano il film, uccidendone tredici.

Oggi, per distruggere l'autobus e fare il maggior numero di morti possibili, l'attentatore suicida ha utilizzato una trentina di chili di esplosivo. L'automezzo è stato completamente dilaniato dallo scoppio. Tutti i feriti sono stati trasportati all'ospedale Jinnah della città portuale del Pakistan.

I resti del pullman

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO