Violenza sulle donne: One Billion Rising domani in piazza, Amnesty aderisce

Il movimento ideato dalla scrittrice americana conta di portare nelle strade un miliardo di uomini e donne.

Amnesty International ha aderito quest'anno, in occasione di San Valentino, alla mobilitazione mondiale One Billion Rising, ideata dalla scrittrice e drammaturga americana Eve Ensler, fondatrice del movimento V-Day e autrice de "I monologhi della vagina". L'anno scorso, migliaia di persone da tutto il mondo scesero in piazze e nelle strade di 207 città chiedendo, attraverso varie forme di espressione artistica, la fine delle violenze contro le donne.

La campagna V-Day intende scuotere anche quest'anno le coscienze nella giornata di domani. E punta su un miliardo di uomini e donne di nuovo nelle piazze per urlare contro femminicidio, stupro e violenza domestica. Quest'anno la parola d'ordine è: giustizia. I gruppi locali di Amnesty International Italia parteciperanno agli eventi organizzati in numerose città del nostro Paese.

Non solo. Amnesty International Italia lancerà una petizione per proteggere dalla violenza e dalla discriminazione le donne del Marocco. Il 23 gennaio scorso, il Parlamento marocchino ha abolito la norma in base alla quale il responsabile dello stupro di una minorenne poteva evitare il carcere sposandola. E questa è una buona notizia. Le sopravvissute alla violenza, infatti, non dovranno più essere costrette a sposare il loro aggressore.

La legislazione del Marocco, però, non è ancora adeguata a difendere e proteggere del tutto le vittime di violenza sessuale. Per questo motivo, Amnesty chiede al parlamento africano che tutti gli articoli del codice penale, che discriminano le donne e le sopravvissute alla violenza sessuale, siano abrogati o modificati. Ci sarà anche questo domani in piazza.

One Billion Rising domani in piazza

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO