Medio Oriente: scontri alla Spianata delle Moschee, chiusa ai visitatori

Manifestanti palestinesi avrebbero lanciato pietre contro i turisti, è intervenuta la polizia che ha disperso la folla e chiuso la zona.

La Spianata delle Moschee di Gerusalemme è stata chiusa ai visitatori dalla polizia dopo gli incidenti verificatisi nella mattinata, quando gli agenti sono dovuti intervenire per disperdere un gruppo di dimostranti palestinesi. Lo ha comunicato un portavoce della polizia israeliana, citato dall'agenzia stampa France Presse.

I manifestanti palestinesi avevano iniziato a lanciare pietre contro i visitatori, secondo la fonte citata. Il Movimento islamico in Israele ha presentato protesta formale per l'intervento dei poliziotti nella Spianata. Le proteste sarebbero nate dal dibattito che si terrà alla Knesset, il Parlamento israeliano, e che riguarderà un riesame dello status quo sulla Spianata. Due degli agenti di polizia sarebbero rimasti feriti dal lancio delle pietre.

Contro i dimostranti sono state impiegate granate assordanti, tre di loro sono stati arrestati. Secondo il portavoce delle forze dell'ordine, Micky Rosenfeld, nel sito "la tensione è altissima". Da qui la decisione di chiudere le visite. La Knesset, come detto, dovrà discutere la proposta del parlamentare Moshe Feiglin, uno dei falchi del Likud, che prevede "l'applicazione della sovranità israeliana" sulla Spianata.

Il complesso di edifici ad al-Aqsa è uno dei punti sensibili di Gerusalemme, nonché luogo sacro sia per i musulmani sia per gli israeliani. Il sito fa parte dell'area di Gerusalemme Est occupata dagli israeliani, ma è amministrato da autorità religiose musulmane. La notte scorsa, intanto, l'aviazione israeliana è stata molto attiva al confine tra Libano e Siria, bombardando obiettivi di Hezbollah. Ci sarebbero delle vittime.

La spianata delle moschee

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO