Naufraga un barcone a Lampedusa, almeno 17 vittime: arrestati i due scafisti

La tragedia a 50 miglia dalla Libia e a 100 dalla costa sud dell'isola.

Aggiornamento 14 maggio 2014, 9.30: due persone, due presunti scafisti del barcone naufragato lunedì al largo delle coste di Lampedusa, sono stati arrestati a Catania con le pesantissime accuse di favoreggiamento dell'immigrazione clandestina, naufragio e omicidio volontario plurimo. Secondo quanto ricostruito dalla Procura del capoluogo siciliano i due avrebbero bloccato i motori in acque internazionali per chiamare i soccorsi, provocando però un danno allo scafo, che avrebbe così iniziato a imbarcare acqua. I migranti, in preda al panico, si sarebbero spostati in massa facendo rovesciare il barcone.

I due scafisti, due nordafricani, sono stati condotti in carcere.

aggiornamento 16.22 I migranti salvati sono saliti a 240, ma purtroppo si è aggravato invece il bilancio delle vittime, che al momento sono circa 20. Ha parlato anche il sindaco di Lampedusa Nicolini: "Il governo Renzi deve pretendere dall’Europa soluzioni condivise, urgenti, e soprattutto diverse dalla sola sorveglianza a mare. Altrimenti le stragi in mare non si fermeranno mai. Ho sempre pensato che la soluzione Mare nostrum non fosse la soluzione a regime".

Nuova strage di migranti al largo delle coste di Lampedusa: un barcone è affondato con a bordo circa 400 persone, dopo essersi rovesciato. In verità la tragedia è avvenuta più vicina alla Libia, visto che la barca si trovava a 100 miglia da Lampedusa e a sole 50 dalle coste della nazione africana. Le autorità italiane sono state avvisate dall'equipaggio di un rimorchiatore petrolifero e sul posto stanno ora convergendo le unità dell'operazione Mare Nostrum.

Per il momento si sa che sono stati salvati 200 migranti, che il bilancio dei morti è fermo a 7, ma che quest'ultima cifra potrebbe purtroppo salire: "Non sappiamo ancora quanto persone ci fossero a bordo, ma i superstiti parlano di centinaia. Stiamo lavorando senza sosta", ha detto il comandante della capitaneria di porto Giuseppe Cannarile.

Sulle coste siciliane la situazione sbarchi continua a essere molto seria: in mattinata sono sbarcati 61 minori provenienti dalla Somalia - giunte a Porto Empedocle - mentre altre 400 persone sono arrivate ieri a Trapani, città in cui tra l'altro le strutture sono allo stremo e non in grado di sostenere l'arrivo di nuovi migranti.

Refugees Continue To Land On Lampedusa Island

  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO