Pakistan, il governo dichiara guerra ai talebani: 81 morti in tre giorni

Nel Waziristan continuano i raid delle truppe governative contro il Tehreek Taliban Pakistan

È salito a 81 il bilancio delle vittime dei blitz compiuti dalle forze di sicurezza pachistane contro i militanti anti-governativi nel Waziristan settentrionale, un territorio tribale al confine con l’Afghanistan. Secondo Samaa Tv i militari pachistani sono intervenuti nell'area di Machas uccidendo in una operazione notturna sei persone e ferendone altre sette, con l’appoggio di carri armati ed elicotteri blindati.

Il nord del Waziristan è una roccaforte degli insorti, al confine con l’Afghanistan , e negli ultimi anni è stata la regione maggiormente colpita dai raid compiuti dai droni statunitensi. L’ultima offensiva è avvenuta dopo che attacchi aerei e combattimenti hanno ucciso almeno 71 presunti combattenti talebani e quattro funzionari della sicurezza nella stessa zona.

Gli attacchi hanno scatenato fughe di massa, scatenando il panico fra i civili. Le violenze rappresentano un duro colpo nei colloqui di pace fra il governo pachistano e il Tehreek Taliban Pakistan (TTP) cominciati nello scorso mese di febbraio.

Alla periferia di Miranshah le truppe dell’esercito hanno utilizzato esplosivi per far saltare oltre 100 case che una volta erano un campo per rifugiati afghani, ma ora sembrerebbero essere utilizzati dagli insorti.

Altri proiettili sono stati sparati nel principale bazar della vicina Mir Ali, distruggendo circa 300 esercizi commerciali. Da tempo Washington sta facendo pressioni su Islamabad affinché effettui operazioni per debellare i nascondigli dei ribelli nel Waziristan, la regione dalla quale partono gli attacchi lanciati contro le truppe Usa e Nato di stanza in Afghanistan. Il TTP è una rete di gruppi che hanno come obiettivo il rovesciamento del governo e l’insediamento di uno stato islamico.

PAKISTAN-UNREST-NORTHWEST

Via | Al Jazeera

Foto © Getty Images

  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO