Meteo Italia: ecco il freddo e il maltempo, violenti temporali al Nord. 1 morto a Monza

Addio all'estate, arriva l'inverno. Temporali violenti nel Nord Italia, pioggia anche a Roma. Vento forte ovunque.

Addio all'estate, arriva l'inverno. Temperature giù di 10 gradi nelle prossime ore, piogge e temporali forti su Nordest, Adriatico e regioni meridionali. Neve su Alpi e Appennini adriatici.

20.30 - Questa nuova ondata di maltempo ha già fatto registrare una vittima a Monza, dove un camionista è caduto a terra a causa di una folata di vento mentre stava salendo sul proprio mezzo ed è deceduto. I collegamenti verso l’isola d’Elba sono stati sospesi fino a nuovo ordine e anche le navi veloci per Ischia sono ferme. In Molise si registrano i primi fiocchi di neve e la giornata di domani si preannuncia altrettanto violenta.

AGGIORNAMENTO 22 OTTOBRE 2014: Com'era nelle previsioni, la coda dell'uragano Gonzalo sta colpendo l'Italia. Violenti temporali ieri sera hanno colpito il Nord, in particolare Lombardia, Veneto, Trentino Alto Adige e Friuli Venezia Giulia (raggiunti i 65 millimetri di pioggia). Nubifragi in Valtellina, tempesta di fulmini in Trentino, con grandine a Bolzano e Predappio. Le temperature qui sono già crollate. Forte vento in Piemonte, con decine di chiamate ai vigili del fuoco per caduta di alberi e cornicioni.

Nel Lazio, da ieri sera è scattata l'allerta per le prossime 24 - 36 ore. Previsti venti di burrasca e mareggiate sulle coste. Per ogni emergenza, è possibile fare riferimento al numero 803.555 della Sala operativa regionale. Non va meglio in Toscana, in particolare sulla costa centro-settentrionale, l'arcipelago e l'Appennino settentrionale: forte vento e mare agitato. Qui l'allerta sarà in atto fino alla mezzanotte di oggi. Sotto osservazione i bacini Magra, Versilia, Serchio, Basso Serchio, Ombrone Bisenzio, Valdarno inferiore, Reno Santerno, Foce dell'Arno, Cornia e isole. Le province interessate sono Massa Carrara, Lucca, Pisa, Livorno Grosseto, Pistoia, Prato, Firenze, dove potrebbero esserci anche black out telefonici ed elettrici.

Arriva l'autunno sull'Italia

Via i costumi da bagno e fuori i cappotti. E fate tutto in poche ore, mi raccomando, perché le mezze stagioni non esistono davvero più in Italia. Se fino a oggi abbiamo fatto i conti con un caldo decisamente fuori stagione, da domani dovremo coprirci per l'arrivo del freddo e della depressione Attila. Già questa sera, su Alpi, Lombardia e Nordest ci saranno i primi rovesci, localmente forti. Particolare attenzione su Veneto e Friuli Venezia Giulia dove potranno esserci anche grandinate.

Edoardo Ferrara, meteorologo di 3Bmeteo.com, spiega all'Ansa:

"Una perturbazione in discesa dal Nord Europa, collegata all'ex uragano Gonzalo, e accompagnata da aria decisamente più fredda, sarà responsabile di un brusco cambiamento delle condizioni meteo - climatiche sull'Italia".

Mercoledì, il fronte freddo scivolerà rapidamente verso Sud, portando rovesci e temporali in particolare sull'Adriatico e sulle regioni meridionali:

"A causa dei forti contrasti termici tra l'aria calda di questi giorni e l'aria più fredda in arrivo, potranno esserci fenomeni localmente violenti. Scarsi invece gli effetti sulle centrali tirreniche, dove anzi avanzeranno rasserenamenti a partire dalla Toscana, mentre qualche rovescio potrà attardarsi sul basso Lazio. Migliora nettamente al Nord, eccetto che sulle Alpi di confine, dove avremo nevicate fin verso i 1000 - 1300 metri, ma a tratti anche al di sotto".

In picchiata le temperature, anche 10 gradi in meno rispetto ai valori di questi giorni. Il calo sarà più sensibile su Alpi, adriatiche e Sud, con ritorno della neve sull'Appennino, fin sotto i 1.500 metri. Attenzione poi al vento forte, Tramontana e Maestrale, con raffiche anche di 100 chilometri orari in alta montagna, tra Tirreno e Isole Maggiori. Possibili burrasche sulla Sardegna.

Giovedì avremo ancora condizioni di maltempo su adriatiche e Sud:

"A causa della formazione di una circolazione ciclonica sui Balcani, che porterà precipitazioni talora intense e persistenti, in particolare tra Marche, Abruzzo e Molise e sul basso versante tirrenico. Nevicate anche abbondanti interesseranno la dorsale adriatica, oltre i 1.300 - 1.400 metri, ma localmente anche al di sotto. Ulteriori nevicate interesseranno ancora le Alpi di confine, fin verso i 1.000 - 1.300 metri, con l'addossamento di una nuova perturbazione che porterà nevicate copiose su Svizzera e soprattutto Austria, fin verso i 500 - 700 metri".

Maltempo Italia

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO