Malaysia Airlines, hacker dell'Isis attaccano il sito web

Il gruppo informatico autore dell'attacco si firma "Official cyber caliphate".

Un gruppo informatico che si firma "Official cyber caliphate" ha attaccato il sito web della compagnia aerea Malaysia Airlines, che lo scorso anno è diventata tristemente nota in tutto il mondo per aver perso due aerei: uno, quello del volo MH370, scomparso nell'Oceano Indiano a marzo con a bordo 239 passeggeri, l'altro, quello del volo MH17, abbatto in Ucraina orientale il 17 luglio con la conseguente morte delle 298 persone che stavano viaggiando con il velivolo.

La compagnia ha però spiegato che il sito non è stato realmente violato, ma semplicemente gli utenti venivano reindirizzati su un altro sito. I dati e le prenotazioni dei passeggeri, dunque, non sarebbero state colpite in alcun modo e nel frattempo il sito è stato ripristinato nel giro di poche ore e adesso appare già tutto tornato alla normalità.

Gli hacker che hanno colpito il sito sarebbero sostenitori dei terroristi dell'Isis, perché, oltre a firmarsi "cyber-califfato", avevano cambiato la schermata iniziale del sito inserendo un messaggio d'errore "404 - Aereo non trovato", e il titolo html della pagina, ossia quello che appare sulla scheda del browser era "L'Isis prevarrà" (Isis Will Prevail). La pagina indicava anche i nomi di due account Twitter che sarebbero due nuovi membri del gruppo di hacker Lizard Squad. A un certo punto è anche comparsa l'immagine di una lucertola con la scritta "Squadra lucertola - Cyber califfato ufficiale".

Si tratterebbe dunque dello stesso gruppo che l'anno scorso disse di aver attaccato le piattaforme di videogiochi di Sony e Microsoft.

Malaysia Airlines - hacker Isis attaccano sito web

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 1 voto.  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO