Libertà di stampa: nel mondo giornalisti sempre meno liberi

Anche l’Europa non è immune a un aumento delle restrizioni dei governi e dei poteri forti alla stampa

libertà di stampa

Secondo il rapporto Freedom of the press 2015 della Freedom House la libertà di stampa ha raggiunto nel 2014 il livello minimo degli ultimi dieci anni: in tutto il mondo i giornalisti si trovano ad affrontare sempre più pressioni e restrizioni da parte di governi, criminalità, lobby ed editori con interessi politici ed economici.

In tutto il mondo i governi stanno sfruttando o tentano di sfruttare le leggi per la sicurezza e la lotta al terrorismo come pretesto per imbavagliare l’informazione scomoda e le voci critiche nei confronti del potere. Gruppi di pressione e organizzazioni criminali impiegano mezzi sempre più meschini per intimidire i giornalisti e solamente 63 dei 199 paesi passati in rassegna risulta essere libero sul piano dell’informazione. Nella seconda fascia, fra i 71 paesi ritenuti parzialmente liberi c’è anche l’Italia, mentre sono 65 i Paesi ritenuti non liberi.

A livello di popolazione ciò significa che solamente il 14% della popolazione mondiale vive in paesi in cui la stampa è libera, mentre il 42% si trova in paesi dove la stampa è parzialmente libera e il 44 per cento si trova in Paesi dove la stampa non è libera.

Pur trovandosi nella fascia migliore, gli Stati Uniti hanno visto peggiorare moltissimo la propria situazione nell’ultimo anno: ci sono stati i maltrattamenti della polizia ai danni dei giornalisti presenti a Ferguson, durante le manifestazioni successive all’uccisione di Michael Brown. E anche sotto la presidenza di Barack Obama l’indice di libertà della stampa statunitense ha toccato – dati alla mano – i minimi storici.

Molti Paesi con una lunga tradizione democratica alle spalle hanno subito un vistoso declino. È il caso della Grecia che dal 2010 ha perso 21 punti in una scala da 0 a 100. Ulteriori passi indietro sono stati fatti in Paesi in cui la situazione cinque anni fa era tutt’altro che rosea: è il caso di Thailandia, Ecuador, Turchia, Hong Kong, Honduras, Ungheria e Serbia. I Paesi che chiudono la classifica della libertà di stampa sono Bielorussia, Crimea, Guinea Equatoriale, Eritrea, Iran, Nord Corea, Siria, Turkmenistan e Uzbekistan.

FRANCE-MEDIA-LIBERATION

Via | Freedomhouse

Mappa | Freedomhouse

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!  

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO