Lo sciopero della metropolitana a Londra manda in tilt la città

E i non londinesi si stupiscono per le chilometriche e ordinatissime code davanti alle fermate del bus.

Durante gli scioperi della metropolitana, in Italia siamo abituati a scene di isteria collettiva: gente che si getta sotto le transenne delle fermate un secondo prima che vengano abbassate, proteste e rabbia, code inferocite di persone che prendono d'assalto i taxi e via dicendo. A Londra, invece, la situazione si presenta così:

Londra odia lo sciopero, ma adora formare code ordinate, scrive Mashable. In effetti a Londra è in corso uno sciopero della metropolitana di 24 ore. Il primo dal 2002, causato dalla decisione dell'azienda dei trasporti di far partire il servizio 24 ore su 24 su diverse linee con, secondo i sindacati, insufficienti aumenti di stipendio. E per provare a capire che conseguenze possa avere sulla città, basta ricordare che Londra ha 8 milioni e mezzo di abitanti e 11 linee della metropolitana. In effetti, i londinesi hanno dato l'assalto a taxi e bus, hanno inforcato auto, motorini e biciclette e dato vita a code alle fermate che durano per centinaia di metri.

Il tutto, peraltro, sta avvenendo mentre è in corso il torneo di Wimbledon, condizione che certo non aiuta ma che non cambia radicalmente una giornata particolare, che ha privato del quotidiano utilizzo della metropolitana 4 milioni di lavoratori, studenti e turisti.

Il comune si è dato da fare per venire incontro agli abitanti, per esempio rafforzando all'improvviso il servizio di bikesharing e predisponendo punti informativi davanti alle fermate della metro. Lo sciopero dovrebbe terminare nella serata di oggi, ma si teme che venga prolungato fino a domani.

schermata-2015-07-09-alle-16-51-58.png

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 6 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO