Usa: 4 marines uccisi in un attentato nel Tennessee

La polizia fredda l'attentatore, un cittadino americano originario del Kuwait.

17 luglio 2015 - A distanza di qualche ora dall'attacco in Tennessee, l'FBI allontana ulteriormente la pista del terrorismo internazionale: "Non c'è nulla al momento che collega il killer alle organizzazioni terroristiche internazionali".

Il padre del killer era stato indagato anni fa per aver dato del denaro ad un'organizzazione sospettata di avere contatti con terroristi.

Alcuni account Twitter che rilanciano le attività dello Stato Islamico hanno festeggiato per l'attacco, ma non si tratta di una vera rivendicazione.

Usa: 4 marines uccisi in un attentato nel Tennessee


Un cecchino ha ucciso quattro marines

nel Naval reserve center di Chattanooga, nel sud dello stato del Tennessee, centro di addestramento militare. Altre tre persone sono state ferite. La polizia, intervenuta subito dopo gli spari, ha ucciso l'attentatore dopo un inseguimento.

L'uomo è stato identificato come Mohammed Youssef Abdulazeez, 24 anni, cittadino americano ma originario del Kuwait. Il procuratore dello stato ha fatto sapere di star trattando il caso come un atto di terrorismo interno, smentito però dall'Fbi che gli ha fatto precisare: "Stiamo ancora indagando ed è presto per parlare di terrorismo interno o di altro".

L'uomo viaggiava a bordo di una Ford Mustang ed è comparso nel parcheggio del centro militare poco prima delle 11. La sparatoria è iniziata al centro reclute sulla Lee Highway ed è terminato 30 minuti dopo al reserve center sulla Amnicola Highway, dove ci sono state le vittime. Secondo alcune voci, ancora da prendere con le pinze, l'attentatore sarebbe stato "affascinato dalle teorie dello Stato Islamico".

Abdulazeez non era soggetto a nessuna investigazione, ma su di lui stanno lavorando gli agenti dell'Fbi per capire se possa esserci effettivamente un legame con qualche organizzazione terroristica.

schermata-2015-07-16-alle-23-10-19.png

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO