Nubifragio in Calabria: allagamenti a Rossano e Corigliano Calabro

Critica la situazione della viabilità. Bloccata da stamattina la ferrovia Sibari-Crotone

11.10 - La tregua di queste ultime ore dal maltempo sta facilitando le operazioni di soccorso e di ripristino della viabilità nel Cosentino, in particolare tra i comuni di Rossano e Corigliano Calabro, tra i più colpiti dal violento nubifragio.

500 persone sono state evacuate nella giornata di ieri, ma molti di loro già oggi sono potuti rientrare nelle loro abitazioni, mentre la conta dei danni è cominciata, così come i sopralluoghi nei piani bassi delle abitazioni situate nelle strade più colpite.

Nonostante questo momento di tregua, l’allerta resta alta in tutta l’area. Il sindaco di Corigliano Calabro, Giuseppe Geraci, ha lanciato un nuovo appello ai cittadini, invitandoli a prestare la massima attenzione e a non uscire di casa se non per motivi strettamente necessari.

ore 17.55 - Anche se nella zona di Corigliano e Rossano Calabro ha smesso di piovere, il governatore della Calabria, Mario Oliverio, ha annunciato che chiederà al Governo nazionale lo “stato d'emergenza per la situazione drammatica che si è determinata”.

Intanto nella zona di Rossano si registra l'esondazione dei torrenti minori nella zona ovest dello Scalo, mentre i torrenti centrali (Citrea, Celadi, Inferno) sono sotto costante monitoraggio.

ore 15.00 - I violenti nubifragi abbattutisi sul litorale ionico cosentino hanno provocato allagamenti e paralizzato i due comuni di Rossano e Corigliano Calabro. La situazione si è fatta particolarmente drammatica quando i due lungomare sono stati invasi dall’acqua con il conseguente trascinamento di automobili (anche delle forze dell’ordine) verso il mare.

Dopo una breve schiarita, in mattinata ha ricominciato a piovere. La polizia ha messo in sicurezza una trentina di persone, fra cui alcuni bambini. Almeno per il momento non sono stati segnalati né dispersi, né feriti.

Le numerose richieste d’intervento da parte della popolazione hanno reso necessario l’intervento di rinforzi dalle regioni vicine (Lazio e Campania). Sono circa 10mila le persone prive di energia elettrica e alcune famiglie hanno dovuto attendere il soccorso dei vigili del fuoco perché impossibilitate a uscire di casa a causa della marea fangosa che si abbattuta sulle strade e nelle vie dei centri abitati.

Problemi anche alla viabilità. La statale 106 jonica è percorribile nel tratto fra Rossano e Cassano allo Jonio solamente dal traffico locale. La circolazione dei treni è stata sospesa alle ore 8 di questa mattina fra Sibari e Crotone e è stato attivato un servizio di bus sostitutivi.

Anche nel catanzarese sono segnalati allagamenti, fogne saltate e rami spezzati.

Il nubifragio che si è abbattuto sulla Calabria è la coda della perturbazione giunta dal nord, ma, secondo le previsioni meteo, anche il week end di Ferragosto sarà caratterizzato da piogge e fenomeni temporaleschi.

In aggiornamento

Foto | Youtube

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO