Svizzera, due italiani morti per una valanga

Due venticinquenni, entrambi residenti in Ossola sono morti dopo essere stati travolti da una valanga nel Canton Vallese e un terzo ragazzo, di 24 anni, si è invece salvato.

Luogo dell’incidente è stata la località di Bodme a 2500 metri, nella regione del Mäderhütte, compresa fra il passo del Sempione e il confine italo-svizzero. I tre amici erano partiti per un’escursione di scialpinismo con le pelli. In questi giorni il rischio valanghe è molto elevato in molte zone alpine: in settimana due sciatori sono morti in un incidente avvenuto sul versante francese del Monte Bianco.

I tre escursionisti coinvolti nella valanga del Mäderhütte sono tutti della Valdossola: le due vittime sono Davide Bottro e Manuel Tarovo, entrambi 25enni di Montescheno in Val d’Ossola. Si è invece salvato il più giovane del terzetto, il ventiquattrenne Michele Grossi di Villadossola.

Il Soccorso alpino svizzero ha estratto dalla neve i corpi senza vita dei due giovani e li ha portati all’obitorio di Briga, in Svizzera.

Via | Repubblica

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!  

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO