Rapporto Coop: in aumento i vegani. Ma da quest'anno ci sono anche i "pollotariani"

Pubblicato anche quest'anno il rapporto coop, che ha un capitolo a parte sul cosiddetto "cibo della rinuncia". Lo studio, in generale, riguarda i cambiamenti negli stili di vita degli italiani nel 2015.

Dal punto di vista alimentare, il nostro paese è certamente in evoluzione. In Italia, i vegani sono circa 1 milione e mezzo, mentre i vegetariani 6 milioni (il 10% dei consumatori). A questi, poi vanno aggiunti i crudisti, i fruttariani, e i seguaci della macrobiotica.

Ma nascono anche altre categorie, per le quali è necessario fare ricorso a neologismi: ovvero i pollotariani. Questi escludono il consumo di carne rossa, ma non di quelle bianche: pollo, tacchino, coniglio. La loro scelta, pare, sia stata parzialmente influenzata dal rapporto dell'Oms di ottobre, che tuttavia è stato caricato di toni allarmistici.

Ci sono poi i pescetariani, che scelgono di aggiungere alla dieta vegetariana il consumo di pesce, e i locavori, chi consuma cibi che provengono solamente da produzione locale, ovvero nel raggio di circa 200 km. E, infine, i paleolitici, che si nutrono esclusivamente di ciò che avrebbero cacciato i nostri antenati.

Ultima cosa, i cambiamenti culinari sono legati più alla ricerca del benessere fisico che a motivazioni etiche.

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 412 voti.  

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO