Somalia, commando Al Shabaab attacca base dell'Unione Africana

469684056.jpg

10:23 - Sempre tramite la radio islamista di Al Shabaab si apprende che sarebbero 60 i militari kenioti uccisi durante gli scontri a fuoco presso la base AMISOM di El Adde, in Somalia. Secondo RadioRai le vittime sono almeno 63.

Secondo quanto riferito da una fonte anonima, un residente, alla BBC all'esplosione iniziale sono immediatamente seguiti colpi di arma da fuoco:

"Abbiamo visto un miliziano Al Shabaab in città e subito dopo alcuni militari kenioti darsi alla fuga. In questo momento la base militare è belle mani di Al Shabaab, vediamo auto militari bruciate e soldati morti dappertutto. Non ci sono vittime civili, la maggior parte della popolazione ha lasciato la città"

09:37 - Secondo quanto comunicato dagli stessi Al Shabaab sulla loro stazione radiofonica sarebbero una cinquantina i militari uccisi negli scontri, ma la notizia non è in alcun modo confermabile. Altri 60 uomini sarebbero fuggiti dalla base, che ora sarebbe sotto il controllo degli islamisti. Anche questa notizia però non è possibile confermarla.

La base AMISOM, che si trova a 550 km ad ovest di Mogadiscio, è occupata dall'esercito nazionale per la difesa della Somalia (SNA) e dalle forze di difesa del Kenya (KDF)

08:47 - Secondo gli islamisti Al Shabaab la base sarebbe sotto il loro controllo: Mary Harper, Africa editor della BBC, ha scritto su Twitter che 63 corpi di militari kenyoti sono sul terreno e che gli islamisti hanno sequestrato 23 mezzi militari.


Venerdì 15 gennaio 2016, ore 08:35 - Decine di terroristi somali del gruppo islamista Al Shabaab hanno attaccato la base dell’Unione Africana di Ceel Cado nella zona sud occidentale della Somalia, vicino al confine con il Kenya: a dare la notizia è stato un funzionario dell’esercito somalo precisando che l’attacco è ancora in corso.

La base è gestita da militari kenioti del contingente internazionale UA. Gli assaltatori hanno attaccato la base con una tecnica "classica", riuscendo a fare irruzione nella base con un'autobomba e poi hanno cominciato a sparare all'impazzata. Una modalità di attacco che ricorda le campagne militari di Daesh in Siria e Iraq.

L'attacco è avvenuto nei pressi della città di El-Adde. Il gruppo Al Shabaab ha portato a termine attacchi simili numerose volte nelle scorse settimane: a giugno e a settembre in particolare gli islamisti erano stati protagonisti di intensi scontri a fuoco con i militari kenyoti, con i quali (è cosa nota) spesso trafficano in carbone ed armi. Lo sceicco Abu Musab Abdiasis, portavoce militare del gruppo islamista legato ad al-Qaeda (ma in trattativa per affiliarsi a Daesh) citato dalla Reuters, sostiene che gli islamisti hanno conquistato la base in seguito allo scontro a fuoco, ma la notizia non è stata confermata da altre fonti. Secondo le agenzie stampa di questi minuti gli scontri sono ancora in corso.

Il Maggiore Hussein Abdulle, un ufficiale militare di stanza a circa 100 km dalla base di Ceel Cado, ha spiegato che l'esplosione dell'autobomba, probabilmente un attacco suicida, è avvenuta "davanti al cancello" della base e che alcuni miliziani sono riusciti ad entrare, ma che non è in corso uno scontro a fuoco all'interno della base militare ma solo all'esterno.

(in aggiornamento)

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO