Papa Francesco da tre anni alla guida della Chiesa | Foto

Il 13 marzo 2013, Jorge Mario Bergoglio, diventava Papa con il nome di Francesco. Si presentò alla folla in Piazza San Pietro con un "irrituale": "Fratelli e sorelle, buonasera". Da allora le infrazioni al protocollo sono continuate, e con esse anche l'azione riformatrice del gesuita eletto al soglio pontificio.

L'attenzione per i poveri è stato sicuramente un tratto che ha attraversato il pontificato di Francesco finora. Non solo nelle sue prese di posizione, che spesso hanno avuto al centro la dignità del lavoro, ma anche con gesti concreti, basti pensare all'accoglienza dei clochard in Vaticano. Bergoglio, inoltre, ha avuto la forza di aprire la discussione su temi che all'interno della Chiesa erano un tabù: la comunione ai divorziati risposati, la contraccezione, l'omosessualità.

A sorpresa, l'anno passato, ha annunciato il Giubileo della Misericordia. Padre Federico Lombardi, proprio ieri, in un’intervista alla Radio Vaticana, ha messo in luce il tratto "misericordioso" che ha caratterizzato il messaggio pastorale di Francesco. Ed ha aggiunto il direttore della Sala Stampa Vaticana "solo nel corso di quest’anno, il Papa ha toccato praticamente tutti i continenti, a parte l’Oceania. E’ presente su un orizzonte globale e tratta con autorevolezza le questioni dell’umanità e della Chiesa di oggi".

Sulla questione degli abusi sui minori, Francesco si è mosso nel solco del suo predecessore Benedetto XVI. Tuttavia, c'è ancora molto da fare. Ad esempio, la proposta di una sezione presso la congregazione per la Dottrina della fede che processi i vescovi inadempienti (cioè che insabbiano i casi di violenza), incontra ancora degli ostacoli nella Curia romana.

Segnaliamo, poi, che il processo Vatileaks 2 è ancora in corso. Il caso ha fatto emergere una nuova serie di scandali, che ci raccontano di una Chiesa divisa tra consorterie. Tuttavia, l'opera di pulizia di Francesco è incominciata, come dimostrano i tagli alle spese per i processi di beatificazioni e di canonizzazione e la notizia del versamento di 150 mila euro da parte del cardinale Tarcisio Bertone al Bambino Gesù (dopo la discussa vicenda della ristrutturazione dell'appartamento).

Ricordiamo che Francesco ha anche aperto a temi "inusuali" come la difesa dell'ambiente, con la pubblicazione dell'enciclica "Laudato sì". E ha avviato un dibattito e delle relazioni più strette con esponenti del mondo laico: basti pensare all'incontro con Eugenio Scalfari o alla telefonata a Emma Bonino.

In politica, ha deciso di tenere un profilo basso, come nel caso delle "unioni civili". Ma allo stesso tempo, non ha risparmiato dure critiche alle posizioni razziste del candidato repubblicano alla Casa Bianca, Donald Trump. E' stato anche favorevole alla fine dell'embargo a Cuba.

Sul piano ecumenico, infine, ha ratificato un documento storico con il patriarca ortodosso, Kirill. Insomma, sono passati solo tre anni, ma il pontificato di Francesco è già diventato un capitolo importante nella storia della Chiesa.

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 991 voti.  

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO