Bruxelles, uno dei kamikaze dell’aeroporto di Zaventem aveva lavorato al Parlamento Ue

Kamikaze Zaventem

Nel 2009 e nel 2010 uno dei due kamikaze che si sono fatti esplodere il 22 marzo scorso all’aeroporto di Zaventem ha lavorato presso il Parlamento europeo. Si è trattato di un lavoro della durata di un mese per una società di polizie e il futuro attentatore aveva un contratto da studente.

L’Eurocamera ha confermato con un comunicato ufficiale la notizia che è stata lanciata dall’Ansa citando fonti europee. Tuttavia il Parlamento Ue non vuole chiarire l’identità dell’attentatore, anche se fonti ben informate sospettano che si sia trattato dell’artificiere Najim Laachraoui.

L’Eurocamera ha anche precisato che la società di pulizie aveva provato che l’uomo, così come tutti gli altri lavoratori impiegati, non aveva precedenti penali.

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO