Inchiesta Petrolio in Basilicata, Gemelli intercettato: “La gente come Lucia Borsellino andrebbe eliminata”

ROME, ITALY - OCTOBER 15:  (L-R) Lucia Borsellino, Manfredi Borsellino and Fiammetta Borsellino attend a photocall for 'Era D'Estate' during the 10th Rome Film Fest on October 15, 2015 in Rome, Italy.  (Photo by Ernesto Ruscio/Getty Images)

Continuano a trapelare i contenuti delle intercettazioni agli atti dell’inchiesta della Procura di Potenza che vede implicati, tra gli altri, l’imprenditore Gianluca Gemelli, compagno dell’ormai ex ministra Federica Guidi.

Quella emersa oggi, data 5 maggio 2015, è destinata a sollevare un polverone di polemiche. Gemelli, nel corso di una telefonata con il commissario dell'autorità portuale di Augusta, Alberto Cozzo, si lascerebbe andare a pesanti commenti nei confronti dell'ex assessore regionale alla Salute in Sicilia Lucia Borsellino, figlia del magistrato Paolo Borsellino, ucciso da Cosa Nostra nel 1992.

Gemelli, commentando la posizione del parlamentare Claudio Fava, vicepresidente della commissione Antimafia e figlio del giornalista Giuseppe Fava, ucciso da Cosa Nostra nel 1984, avrebbe detto:

Ah minchia, l'Antimafia praticamente, perché questi qua... guarda quelli che utilizzano i cognomi dei martiri per fare carriera, fanno ancora più schifo degli altri... lei, la Borsellino, questa è gente che proprio andrebbe eliminata... però dicono sono bravissime persone... e va bè, se lo dite voi…

La discussione tra i due uomini, si legge sul Fatto Quotidiano, verteva intorno a un’interrogazione parlamentare sull’autorità portuale del porto di Augusta firmata proprio da Claudio Fava, un’interrogazione che avrebbe potuto intralciare la riconferma di Alberto Cozzo alla guida dell’ente.

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 69 voti.  

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO