La bufala del video sul "petrolio in mare" a Marina di Grosseto

C'è un motivo, se le notizie vanno verificate. Un motivo che non ha solo a che vedere con la deontologia o l'etica, con la professionalità giornalistica, con il fare bene il proprio lavoro.

Il motivo è che le bufale hanno un impatto deteriore sulla società.

Ce l'hanno sul lungo periodo perché distruggono il pensiero critico. Ce l'hanno sul breve periodo perché contribuiscono alla diffusione di convinzioni false che possono avere conseguenze immediate sulla realtà e sulla vita quotidiana.

Ed è perfettamente inutile prendersela coi social o coi siti di bufalari di professione, se i giornali per primi – magari con la scusa inaccettabile del giornalismo 2.0 – fanno un uso dell'internet disinvolto, sbarazzino, privo di interesse per il rispetto della verità sostanziale dei fatti.

Quel che è successo a Marina di Grosseto è emblematico.

Gira un video in cui si vedono delle "idrovore" che starebbero versando petrolio (in pieno giorno, a vista) nel mare di Marina di Grosseto. Scoppia il putiferio. Alcune testate giornalistiche registrate riprendono il video.

In realtà si tratta di un'operazione di dragaggio che viene effettuata da 13 anni. Quello che si vede non è petrolio. È sabbia.

Nel frattempo, a Grosseto si parla già di prime disdette da parte di chi aveva prenotato per la stagione estiva e, secondo Il Giunco, è scattata la denuncia per gli autori del video.

marina-di-grosseto-video-bufala-petrolio.jpg

L'ARPAT Toscana ha annunciato che sono in corso controlli, in ogni caso, anche se l'attività è di «pompaggio di sabbie dall'area portuale di Marina di Grosseto». Il 23 aprile sono stati prelevati campioni

«che saranno trasferiti ai laboratori dell'Agenzia per gli opportuni accertamenti. I risultati delle analisi, quando disponibili, saranno resi pubblici. Comunque si fa presente che anche nel corso del 2015, per lavori analoghi, a seguito di un esposto da parte di un cittadino, l'Agenzia effettuò dei controlli, che non rilevarono la presenza di inquinanti ma furono riscontrate irregolarità segnalate alle autorità competenti»

marina-di-grosseto.png

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 83 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO