Marò, Corte suprema indiana: "Latorre può rimanere in Italia fino a settembre"

maro.jpg



Massimiliano Latorre

potrà restare in Italia fino al 30 settembre prossimo. A stabilirlo è stata la Corte suprema indiana, nel corso di un'udienza che ha avuto luogo nella giornata di oggi. La sentenza era quasi scontata, ma il caso dei due fucilieri di marina italiani non è ancora vicino ad una risoluzione.

Ricordiamo che Latorre è accusato, insieme al collega Salvatore Girone, della morte di due pescatori indiani. E' nel nostro paese dalla fine del 2014 per motivi di salute: ha subito un intervento cardiaco dopo aver accusato un ictus. Il presidente della Corte, Anil Dave, nel concedere l'estensione della permanenza in Italia del marò, ha fissato una nuova udienza per il 20 settembre 2016 alle ore 15. In questa occasione, si tornerà a discutere del futuro fuciliere.

La Corte suprema ha optato per l'estensione in attesa di conoscere l'esito dell'arbitrato tra India e Italia, in corso alla Corte permanente dell'Aja. Presso tale organo, il nostro paese presenterà una memoria difensiva il prossimo 16 settembre.

Il nostro governo, nonostante la sentenza odierna, ha ribadito che sulla sorte dei marò non deciderà l'India. Per la Farnesina, rimane "sospesa e senza valenza giuridica la giurisdizione indiana sul caso". Il ministero degli Esteri, a tale riguardo, ha evidenziato che la sentenza del Tribunale del Diritto del Mare del 24 agosto 2015 ha statuito lo stop "da parte di India e Italia di tutti i procedimenti giudiziari interni fino alla conclusione del percorso arbitrale".

E' attesa, nei prossimi giorni, anche la decisione del Tribunale arbitrale su Salvatore Girone. L'Italia ha già inoltrato una richiesta di misure provvisorie al fine di ottenere il rientro del marò.

Anche il Capo dello Stato, Sergio Mattarella, è impegnato per una risoluzione equa e rapida del caso. Il 21 aprile scorso, durante una celebrazione al Quirinale, ha dichiarato: "Esprimo vicinanza a Salvatore Girone e Massimiliano Latorre, e confermo l'impegno per risolvere una vertenza che si trascina da troppo tempo".

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO