Giappone, ritrovato il bambino scomparso dopo il castigo dei genitori

Un'intera settimana trascorsa tra i boschi mentre le autorità e i genitori si prodigavano in affannose e preoccupatissime ricerche: è la storia, a lieto fine, che restituiscono le cronache giapponesi degli ultimi giorni, che hanno raccontato del ritrovamento di Yamato Tanooka, il bambino di 7 anni scomparso durante una gita tra i monti dell'isola di Hokkaido.

Il bambino è stato ritrovato "relativamente in buone condizioni" nel territorio del comune di Shikabe dalle squadre di soccorso che lo stavano cercando: si era rifugiato in una baracca in un'area di esercitazioni per l'esercito, a 7 km da dove era scomparso. Il bambino è stato rifocillato con pane e polpette di riso e portato in ospedale.

Il ritrovamento di Yamato ha ovviamente tranquillizzato anche i genitori, in preda all'angoscia: inizialmente avevano detto che si era perso mentre raccoglievano verdure selvatiche ma in seguito avevano ammesso di averlo abbandonato per punizione, perché aveva lanciato pietre ad auto e persone. Dopo il ritrovamento il padre ha chiesto pubblicamente scusa per il proprio comportamento.

bambino-giappone.jpg

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 1 voto.  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO