Attentato kamikaze a Baghdad: 119 morti e 140 feriti

L’azione è stata rivendicata dallo Stato Islamico

Poco prima dell’alba di oggi un attentato suicida è stato portato a termine a Baghdad e rivendicato dallo Stato Islamico. Il bilancio delle autorità irachene parla di 119 morti e 140 feriti. Si tratta dell’attentato più grave fra quelli verificatisi nella capitale dell’Iraq dall’inizio di quest’anno.

L’attacco ha colpito una strada commerciale del quartiere a maggioranza sciita di Karrada dove le persone effettuano la spesa per la festa della fine del ramadan. Dopo l’esplosione, in molti edifici del quartiere si sono sviluppati degli incendi.

Haider Al-Abadi si è recato sul posto e ha promesso di punire i responsabili dell’attacco.

Inoltre, una seconda esplosione si è verificata nel quartiere sciita di Al Chaab, nel nord della capitale, più o meno nello stesso momento.

L’intensificazione degli attentati sembra essere inversamente proporzionale alla perdita di territori occupati dalle milizie dello Stato Islamico. Una settimana fa, il 26 giugno, il gruppo jihadista ha perso il controllo di Falluja e, attualmente, l’unico grande centro iracheno sotto il controllo del Califfato è Mosul. Le forze filogovernative hanno già messo in atto alcune operazioni e hanno promesso di essere in procinto di riconquistare la seconda città del paese.

Due giorni fa, durante una vista a Palermo, Bashar Hameed Mahmood Al-Kiki, Presidente del Governatorato di Ninawa, la Regione in cui si trova Mosul, si è detto sicuro che la città verrà presto liberata, aggiungendo che l’aiuto dell’Europa sarà fondamentale affinché ciò avvenga.

Via | Le Monde | AdnKronos

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 20 voti.  

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO