Migranti, Oim: "quasi 3 mila morti in mare da inizio 2016"

Ieri, l'Oim (Organizzazione Internazionale delle Migrazioni) ha reso noto che, dall'inizio dell'anno, sono circa 3mila i rifugiati e i migranti morti in mare mentre cercavano di raggiungere l'Europa. Per l'esattezza, i decessi conteggiati sono 2.977, ma si tratta di un dato che non contempla il recupero di una ventina di cadaveri nelle ultime 72 ore.

Le carenze dell'Unione Europea, evidenzia il quotidiano El Pais, stanno tutte in una scena filmata giovedì dai reporter. A pochi metri dalla nave militare spagnola Regina Sofia, ormeggiata nel porto di Catania, con a bordo decine di migranti soccorsi in mare e provenienti dalla Libia, c'era una nave da crociera. I passeggeri sono rimasti a guardare, placidi, le operazioni di sbarco e di identificazione dei superstiti.

Per vincere l'indifferenza e l'inefficacia delle politiche messe in campo, l'Oim ha specificato che si tratta del terzo anno di seguito in cui il numero delle morti in mare supera la soglia dei 3mila, ma nel 2016 tale soglia è stata toccata più celermente. Nel 2014, infatti, era stata raggiunta nel mese di settembre, e nel 2015 nel mese di ottobre. A ricordarlo, da Ginevra, è stato proprio il portavoce dell'organizzazione, Joel Millman.

Il progetto dell'Oim, Missing migrants, ha rivelato inoltre che nel 2016 quasi 2.500 decessi si sono verificati negli ultimi quattro mesi, con una media di 20 morti al giorno. La rotta più pericolosa rimane quella tra l'Africa del Nord e l'Italia. Su questo tragitto, dall'inizio dell'anno, le persone che hanno perso la vita sono state 2.549.

L'Oim, infine, afferma che, dal 1° gennaio 2016 al 20 luglio scorso, 242.179 migranti e rifugiati sono entrati via mare all'interno dei confini della Ue. La maggior parte di questi hanno raggiunto le coste italiane (81.034) e greche (159.299).

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!  

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO