Cartelli “Allerta attentato” sulla spiaggia di Mentone

NICE, FRANCE - AUGUST 07:  A general view of the beach front on August 7, 2016 in Nice, France. Security along the French Riviera and across France has been stepped up following the recent terrorist attacks. On July 14, a French-Tunisian attacker killed 84 people as he drove a lorry along the Promenade through crowds who had gathered to watch a firework display during Bastille Day Celebrations. The attacker then opened fire on people in the crowd before being shot dead by police.  (Photo by Dan Kitwood/Getty Images)

A quasi un mese dall’attentato di Nizza del 14 luglio, la tensione resta altissima nelle località turistiche francesi. L’impatto degli attentati dell’ultimo anno e mezzo hanno avuto effetti devastanti per il settore turistico, come dimostrano le cifre citate di recente dal segretario di stato incaricato della promozione turistica Matthias Frekl.

A Mentone, la prima città costiera che si incontra dopo avere superato il confine italo-francese di Ventimiglia, è attivo lo stato di allerta Vigipirate, ossia il piano transalpino di sicurezza nazionale ideato nel 1978 dall’allora presidente francese Valéry Giscard d’Estaing.

Su diverse spiagge di Mentone sono così comparsi dei cartelli che invitano i turisti e i mentonaschi alla cautela per il rischio di attentati. “Alert attentat – en raison des circostances” ossia “Allerta attentato – viste le circostanze” si legge sui cartelli.

In seguito all’attentato dello scorso 14 luglio, il sindaco di Mentone, Jean-Claude Guibal, ha chiesto una maggiore presenza della polizia, della gendarmeria, dei vigili urbani, vigili del fuoco e persino dell’esercito per vigilare sugli eventi in programma nella cittadina balneare della Costa Azzurra.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO