Madre Teresa diventa Santa

A diciannove anni dalla sua morte e a 17 dall’inizio della causa di canonizzazione, oggi Madre Teresa di Calcutta diventerà Santa nel corso di una cerimonia che si terrà in piazza San Pietro alle 10.30, celebrata da Papa Francesco davanti a oltre 100 mila persone e 13 capi di Stato accorsi in Vaticano per l’occasione.

L’evento sarà trasmesso in Mondovisione in cinque continenti da 120 diverse emittenti televisive. Nel Libretto della Celebrazione odierna, la Santa Sede ha così riassunto la vita della Beata Teresa di Calcutta:

La Beata Teresa di Calcutta (al secolo: Gonxha Agnes Bojaxhiu) nacque a Skopje il 26 agosto 1910, quinta e ultima glia dei genitori albanesi Nikola e Drane Bojaxhiu. Fu battezzata il giorno seguente e ricevette la prima Comunione all’età di 5 anni e mezzo. Sin da quel momento fu colmata di amore per le anime.
Nel 1928, desiderando diventare missionaria, entrò nella Congre- gazione delle Suore di Loreto (IBVM) in Irlanda. Arrivò in India nel 1929, emise i primi voti nel maggio 1931 e i voti perpetui nel maggio 1937. Durante i venti anni che trascorse in India, dedican- dosi all’insegnamento, si distinse per carità, zelo, dedizione e gioia.
Il 10 settembre 1946, ricevette da Gesù la chiamata «a rinunciare a tutto e a servirlo nei più poveri tra i poveri». Nel 1948 ottenne il permesso ecclesiastico di iniziare il suo apostolato nei bassifondi di Calcutta. Le Missionarie della Carità (MC) furono erette a Congre- gazione religiosa di diritto diocesano il 7 ottobre 1950, ed elevate a Congregazione di diritto ponti cio il 1 febbraio 1965. Il carisma proprio della Congregazione è saziare l’in nita sete di Gesù di amore e di anime, adoperandosi per la salvezza e la santi cazione dei più poveri tra i poveri.
Per poter estendere la sua missione di amore, Madre Teresa diede inizio al ramo dei Fratelli MC (1963), delle Sorelle Contemplati- ve (1976), dei Fratelli Contemplativi (1979) e dei Padri MC (1984), nonché all’associazione dei Collaboratori, dei Collaboratori Sof- ferenti e al Movimento Corpus Christi per i sacerdoti. Alla sua morte, il 5 settembre 1997, la Congregazione contava 3842 sorelle, operanti in 594 case in 120 nazioni.
Nonostante sperimentasse una dolorosa oscurità interiore, Madre Teresa si recò ovunque, con sollecitudine, come Maria nell’episo- dio della Visitazione, a irradiare l’amore di Gesù in tutto il mondo, così da diventare un’icona dell’amore tenero e misericordioso di Dio per tutti, specialmente i non amati, i non voluti e i negletti. Dal cielo continua ad «accendere la luce per coloro che vivono nell’o- scurità qui sulla terra».

Dopo la cerimonia di canonizzazione, Papa Francesco offrirà il pranzo a 1500 poveri e bisognosi, ospitati per l’occasione nell’atrio dell’aula Paolo VI in Piazza del Sant'Uffizio a Roma.

Domani, invece, nel giorno della festa di Santa Teresa di Calcutta - che ricorrerà il 5 settembre di ogni anno, nell’anniversario della sua morte, il 5 settembre 1997 - il cardinale segretario di Stato Pietro Parolin officerà la messa in Piazza San Pietro alle 10.00.

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!  

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO