Libia, liberati gli italiani rapiti nel Fezzan: "Rapiti per errore"

fezzan.jpeg

Come confermato ieri dalla Farnesina i due tecnici italiani della società Conicos, Danilo Calonego e Bruno Cacace, e il cittadino canadese Frank Poccia, rapiti a Ghat nel sud della Libia sono stati liberati ieri notte nella stessa zona del rapimento e hanno fatto rientro in Italia nelle prime ore di ieri mattina mattina con un volo loro dedicato.

Secondo quanto ha riferito l'unità di crisi della Farnesina i due hanno riferito di stare bene e di non aver subito violenze. Secondo quanto riferito da RaiNews i due italiani sarebbero stati liberati dalle forze di sicurezza del Consiglio presidenziale della Libia: lo riferisce, secondo quanto si apprende in Italia, una fonte della sicurezza libica di alto livello. La fonte ha riferito che la liberazione degli ostaggi occidentali é stata effettuata attraverso un'operazione di intelligence portata in atto dal Consiglio Presidenziale.

I due, al loro rientro in Italia, sono stati ascoltati dalla procura di Roma: secondo quanto riporta molto dettagliatamente l'Agi, al pm Colaiocco hanno spiegato che "con molta probabilità" sono stati vittime di una rapina trasformatasi poi in un rapimento. Quel giorno, infatti, era prevista la consegna finale dei lavori dell'aeroporto di Ghat da parte della Conicos: una cerimonia in 'pompa magna' era in programmata alla presenza delle autorità del governo di Tripoli. E il manager libico della stessa azienda era sul posto già dal giorno prima per poter prendere parte alla kermesse.

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!  

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO