Francia, chiama “Daesh” la sua rete Wi-Fi: condannato 18enne

pc-portatile.jpg

Un ragazzino francese di 18 anni residente a Dijon, nel dipartimento della Côte-d'Or, è stato condannato a tre mesi di carcere, pena sospesa, per aver rinominato la rete Wi-Fi della sua abitazione “Daesh”, il termine arabo usato per indicare lo Stato Islamico.

Era stato un vicino di casa, vedendo apparire quel “Daesh 21” tra le reti Wi-Fi disponibili, a lanciare l’allarme e far scattare tutte le verifiche del caso. In casa del giovanissimo non fu ritrovato alcun materiale riconducibile allo Stato Islamico, ma è stata comunque formulata nei suoi confronti un’accusa di apologia del terrorismo.

La sentenza è stata emessa giovedì scorso, dopo che il giovane aveva rifiutato di patteggiare e scontare 100 ore di servizio alla comunità. Il legale che difende il giovane, l’avvocato Karima Manhouli, ha già annunciato che ricorrerà in appello contro la sentenza:

Ha soltanto utilizzato la parola “Daesh 21”. Questo non è apologia del terrorismo. É stata soltanto la scemenza di un giovane di 18 anni che l’ha fatto senza un motivo plausibile.

Via | Le Figaro

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!  

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO