Rifugiati, Unhcr: i bambini sono 3,7 milioni, raccolta fondi per garantire istruzione

MITILINI, GREECE - OCTOBER 23:  A man holds his child at the increasingly overwhelmed Moria camp on the island of Lesbos on October 23, 2015 in Mitilini, Greece. Dozens of rafts and boats are still making the journey daily as thousands flee conflict in Iraq, Syria, Afghanistan and other countries. More than 500,000 migrants have entered Europe so far this year. Of that number four-fifths of have paid to be smuggled by sea to Greece from Turkey, the main transit route into the EU. Nearly all of those entering Greece on a boat from Turkey are from the war zones of Syria, Iraq and Afghanistan.  (Photo by Spencer Platt/Getty Images)

Nel mondo 3 milioni e settecentomila bambini sono rifugiati o sfollati, in fuga da guerre e fame, e per i quali andare a scuola è un sogno. A fornire questi numeri è L'Alto commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati (Unhcr) che cera di sensibilizzare sull'esistenza travagliata di queste piccole vite per il fine ultimo di aiutarle ad avere un'istruzione .

Con l'iniziativa "Mettiamocelo in testa" l'Unhcr punta ad assicurare entro il 2018 l'istruzione primaria a un milione di bambini. "Per la sopravvivenza di un bambino la scuola non è meno importante di una tenda dove dormire, del cibo o delle cure mediche" spiega Carlotta Sami, portavoce dell'Unhcr per il Sud Europa.

La campagna prevede una raccolta fondi per i piccolo profughi, tramite il numero 45516, e iniziative nelle scuole italiane con la collaborazione del Miur, avvalendosi del sostegno di testimonial come Nino Frassica, Gianluca Vialli, Alessandro Gassman, Francesco Pannofino e Carolina Crescentini.

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!  

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO