Delitto di Avetrana, la Cassazione conferma l'ergastolo per Sabrina Misseri e Cosima Serrano

sarah scazzi oggi cassazione

21 febbraio 2017 - La prima sezione penale della Corte di Cassazione ha deciso di confermare l'ergastolo per Sabrina Misseri e sua madre Cosima Serrano. La sentenza è arrivata questa mattina e ha visto confermare anche la condanna a 8 anni di carcere per Michele Misseri, accusato di soppressione di cadavere.

Riduzione di un anno di pena per Carmine Misseri, fratello di Michele Misseri, condannato a 4 anni e 11 mesi di carcere.

20 febbraio 2017 - Caso Scazzi all'ultimo grado di giudizio, a ormai sette anni dall'omicidio di Sarah, la 15enne di Avetrana (Taranto) di cui era stata denunciata la scomparsa il 26 agosto del 2010, trovata cadavere in campagna, in un pozzo, un mese e tre giorni dopo. Oggi la prima sezione penale della Corte di Cassazione si pronuncerà sulla conferma o meno della condanna all'ergastolo per la zia di Sarah, Cosima Serrano, e la figlia, cugina della vittima, Sabrina Misseri.

Secondo la ricostruzione dell'accusa madre e figlia avrebbero strangolato Sarah il cui corpo senza vita sarebbe stato poi nascosto da Michele Misseri, marito di Cosima e padre dell'altra imputata per omicidio. Michele Misseri, che ha cambiato versione più volte sul ruolo del delitto di Avetrana ed è stato a sua volta condannato a otto anni per occultamento di cadavere anche se continua ad auto accusarsi dell'omicidio senza trovare credito presso gli inquirenti.

La difesa invece sostiene l'innocenza delle due donne e punta il dito proprio contro Michele Misseri quale responsabile unico del delitto. Cosima Serrano e Sabrina Misseri sono state condannate all'ergastolo nel 2013 dalla corte d'Assise di Taranto, verdetto confermato in appello due anni dopo, con una sentenza di oltre 1200 pagine depositata solo mesi e mesi dopo.

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO