Venezia, sgominata presunta cellula jihadista: 3 arresti e un fermo

An ACTV vaporetto (water bus - ferry) passes under the Rialto bridge on the Grand Canal on June 3, 2016 in Venice.  / AFP / MARCO BERTORELLO        (Photo credit should read MARCO BERTORELLO/AFP/Getty Images)

Tre arresti, un fermo e 12 perquisizioni. É questo il bilancio del blitz antiterrorismo che si è concluso questa mattina nel centro di Venezia, frutto di una lunga e delicata indagine che, secondo quanto riferito dalla Direzione distrettuale antimafia e antiterrorismo, ha permesso di sgominare una presunta cellula jihadista.

A finire in manette sono stati tre cittadini originari del Kosovo - un quarto, minorenne, è stato fermato - residenti in Italia con regolare permesso di soggiorno. Le indagini avrebbero permesso di ricostruire i rapporti tra i vari membri della cellula, la loro radicalizzazione religiosa, i luoghi da loro frequentati e, stando alle recenti intercettazioni, anche il loro obiettivo.

É il quotidiano La Nuova Venezia ha spiegare che il gruppo era in procinto di pianificare un attentato proprio a Venezia, un’esplosione sul Ponte di Rialto in uno dei tanti momenti in cui è affollato di turisti.

L’operazione è scattata nella notte in una palazzina a due passi dal teatro La Fenice. Due delle persone arrestate lavoravano come camerieri in una locale di Venezia. Dieci perquisizioni sono state eseguite a Venezia, una a Mestre e un’altra a Treviso.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO