Trapani, corruzione nel settore del trasporto marittimo: 3 arresti. Indagati Crocetta e Vicari

18.40 - Emergono nuovi dettagli sull'inchiesta di Trapani: tra gli indagati ci sarebbero infatti anche il presidente della Regione Sicilia Rosario Crocetta e la sottosegretaria e senatrice Simona Vicari.

Il governatore, indagato per concorso in corruzione, ha così commentato la vicenda: "Non so nulla. Sono molto sereno e se ci dovesse essere un invito a comparire che non ho ricevuto perché sono in viaggio sarò lieto di riferire ai magistrati notizie utili alle indagini".

Per quanto riguarda Simona Vicari, componente del governo Gentiloni in qualità di sottosegretario del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti, l'indagine è per corruzione: Repubblica scrive che, secondo le ipotesi al vaglio degli investigatori, "avrebbe ricevuto Rolex in cambio di un emendamento che riduceva l'Iva sul trasporto marittimo".

I carabinieri scrivono in una nota che "l'armatore avrebbe ottenuto, tra le altre cose, la presentazione e l'approvazione di un emendamento alla legge di Stabilità per ridurre l'Iva dal 10% al 5% per i trasporti su navi veloci". Misura che avrebbe causato "un ammanco alle casse dello Stato di 7 milioni di euro e, consequenziale, notevole arricchimento" della società.

16.41 - Tre arresti sono stati compiuti oggi in relazione all'operazione "Mare Mostrum", che ha indagato su fenomeno delle mazzette nel settore del trasporto marittimo.

Ad eseguire gli arresti sono stati i carabinieri di Trapani e Palermo: tre le persone che dovranno rispondere delle accuse di corruzione e altri reati.

Si tratta, come riportano le agenzie, dell'ex primo cittadino di Trapani Girolamo Fazio (che è candidato sindaco alle prossime elezioni), il funzionario della regione Sicilia Giuseppe Montalto e l'armatore Ettore Morace, presidente della compagnia "Liberty Lines".

L'operazione, coordinata dal Procuratore capo di Palermo Francesco Lo Voi e dall'aggiunto Dino Petralia, riguarda presunte tangenti sui fondi riguardanti il trasporto marittimo a Trapani.

I carabinieri hanno eseguito oggi il provvedimento cautelare emesso dal gip del Tribunale di Palermo, su richiesta della locale Procura della Repubblica.

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 22 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO