Mafia Capitale, 20 anni di carcere per Massimo Carminati e 19 anni per Salvatore Buzzi

13.10 - 20 anni di carcere per Massimo Carminati e 19 anni di carcere per Salvatore Buzzi. É questa la pena inflitta oggi dai giudici ai due principali imputatati nel processo Mafia Capitale, che hanno deciso anche di condannare a 6 anni di carcere Mirko Coratti, l’ex presidente del Consiglio comunale di Roma ed esponente del PD, mentre a Luca Gramazio sono stati inflitti 11 anni di carcere.

Tra le altre condanne ci sono quella a 6 anni e sei mesi di carcere per Luca Odevaine, ex responsabile del tavolo per i migranti, e quella a 11 anni di carcere per Riccardo Brugia. A Franco Panzironi, invece, sono stati inflitti 10 anni di carcere.

Nell’infliggere le pesanti condanne, i giudici hanno deciso di escludere l’accusa di associazione di stampo mafioso per 19 degli imputati, riconoscendo però quella semplice. Le motivazioni della sentenza saranno pubblicate nei prossimi giorni.

12.00 - Il giorno della verità è arrivato. Oggi, dopo 20 mesi di processo e centinaia di udienze, i giudici della X sezione penale del Tribunale di Roma emetteranno la prima sentenza per Mafia Capitale, la mega inchiesta avviata nel 2014 riuscita a far luce sull’organizzazione criminale che per anni ha tenuto sotto scacco l’amministrazione comunale di Roma.

46 gli imputati a processo, protagonisti di 230 udienze che si sono svolte tra il 5 novembre 2015 e il 13 luglio scorso. Tra loro ci sono quelli indicati dagli inquirenti come i presunti vertici dell’organizzazione criminale, Massimo Carminati e Salvatore Buzzi, per i quali sono stati chiesti rispettivamente 28 anni e 26 anni e 3 mesi di carcere.

I due imputati principali non saranno presenti in aula questa mattina, ma seguiranno la lettura del verdetto dal carcere. Carminati è attualmente detenuto a Parma in regime di 41 bis, mentre Buzzi è rinchiuso a Tolmezzo. Pesanti anche le richieste di condanna avanzate per il presunto braccio destro di Carminati, Riccardo Brugia, e per il politico Fabrizio Testa. Per il primo sono stati chiesti 25 anni e 10 mesi di carcere, mentre per il secondo 22 anni.

Tra le richieste di condanna più alte - in totale sono stati chiesti 500 anni di carcere per i 46 imputati, 22 dei quali sono accusati di associazione a delinquere di stampo mafioso - c’è anche quella per Franco Panzironi, l’ex amministratore delegato di Ama. Lui, secondo la pubblica accusa, dovrà essere condannato a 21 anni di carcere.

Il verdetto sarà letto alle 13 di oggi.

Alessandro Diddi (C-back) lawyer of Salvatore Buzzi is surrounded by journalists as he arrives at Rome's criminal court on November 5, 2015, on the opening day of the Mafia Capitale trial, a case related to the alleged infiltration of City Hall by a mafia network. The alleged ringleaders of Italy's newest mafia go on trial today in a landmark case set to highlight systemic corruption in Rome and serve as a litmus test of the country's battle against organised crime. Massimo Carminati, a one-eyed gangster with a history of far-right links, stands accused with more than 40 alleged accomplices of operating a network that stole millions of euros from the city of Rome.  AFP PHOTO / ALBERTO PIZZOLI        (Photo credit should read ALBERTO PIZZOLI/AFP/Getty Images)

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 49 voti.  

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO