Attentato a Barcellona, 13 morti e 80 feriti: ucciso un sospettato, 2 arresti - VIDEO

A poche ore dall’attentato che ha sconvolto la città di Barcellona e provocato la morte di 13 persone, le autorità della Catalogna hanno confermato di aver tratto in arresto due persone in relazione a quello che è stato a tutti gli effetti un attacco terroristico.

Una terza persona, forse proprio l’uomo che si trovava alla guida del furgone che ha travolto la folla sulla Rambla di Barcellona, è rimasta uccisa in un conflitto a fuoco con le autorità. L’uomo, secondo quanto si è appreso, si era asserragliato in un ristorante turco a pochi passi dal luogo dell’attentato e, armato di fucile, aveva preso in ostaggio delle persone.

Il bilancio ufficiale, aggiornato alle 22 di questa sera, è di 13 persone rimaste uccise e almeno 80 feriti di cui alcuni in modo grave, tutti ricoverati negli ospedali di Barcellona. Le operazioni di identificazione delle vittime sono ancora in corso e le autorità stanno invitando i familiari delle persone che potrebbero esser state coinvolte a farsi avanti chiamando il 112.

Lo Stato Islamico, intanto, avrebbe già rivendicato la paternità dell’attentato odierno. A riferirlo è stata l’agenzia di stampa Amaq, legata all’ISIS, secondo la quale le persone coinvolte nella strage di oggi erano dei “soldati dello Stato Islamico”.

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 4 voti.  

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO