Migranti, parla il medico a Lampedusa: "Non ho riscontrato malattie infettive in 30 anni"

I migranti portano malattie infettive? Questa domanda, cavalcata a vario modo da parte del mondo dell'informazione e di quello politico, trova oggi una risposta da parte di Pietro Bartolo, medico attivo da fine anni '80 a Lampedusa per visitare le persone arrivate via mare.

Bartolo è chiaro: "Gli immigrati non portano malattie. Questo è quello che molti giornalisti e politici vogliono far intendere, anche attraverso bugie, lo fanno per spaventare la gente" (video in alto).

Il dato che può offrire Bartolo è quello del 100% delle prime visite da lui effettuate in 30 anni nell'isola siciliana: "Non ho mai riscontrato alcuna malattia infettiva grave tra gli immigrati". Il dottore spiega: "I migranti sono persone straordinarie, io li chiamo dei Superman, è gente che affronta il deserto e che affronta la Libia, che è peggio del deserto, e poi il mare.. qui non può arrivare gente malata, arriva gente sana".

Il medico ribadisce: "Queste persone sono sane, non abbiamo mai riscontrato alcuna malattia infettiva grave che possa far preoccupare il territorio italiano o europeo", poi racconta quello che definisce un "record infame": "Sono forse il medico che ha fatto più ispezioni cadaveriche nel mondo, quasi mille persone. Questo è qualcosa di disumano, incredibile, ed è un record che non ci fa onore".

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 1114 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO