Bari, la docente picchiata dalla madre di un'alunna: "Paura di tornare"

Aveva rimproverato un'alunna a scuola ed è stata picchiata e minacciata da sua madre. I fatti sono accaduti qualche giorno fa alla Scuola media San Giovanni Bosco di Bari, adesso la docente confessa di aver paura di tornare a insegnare.

Tutto è nato da un semplice rimprovero della docente durante una lezione: l'insegnante chiedeva silenzio in aula e l'alunna avrebbe reagito in modo scomposto, tanto che la professoressa - in preda ad un malore - ha chiamato il 118 per farsi soccorrere. Le cronache locali raccontano che poi anche la studentessa avrebbe accusato sintomi di ansia chiamando al telefono la madre.

La donna è subito accorsa a scuola, salendo al secondo piano e aggredendo l'insegnante sia verbalmente che fisicamente: "La signora ha urlato contro la collega, facendole volare gli occhiali con uno schiaffo, questo episodio non fa che confermare che ormai a scuola non si lavora più in maniera sicura", hanno raccontato alcuni docenti.

A scuola sono poi arrivati i Carabinieri, chiamati per placare la furia della madre, che avrebbe anche minacciato "Non la passerai liscia, ti faccio fuori".

Adesso l'insegnante ha paura: "Voglio rientrare in classe per fare il mio dovere, ma temo per la mia incolumità fisica e chiedo venga garantita la sicurezza di tutti i docenti e la tutela degli alunni".

La professoressa, che vuole mantenere l'anonimato, racconta a Repubblica Bari: "La prima conseguenza di quello che è successo è che temo per la mia incolumità fisica, visto il clima che si è creato. Sto cercando innanzitutto di capire con quali mezzi posso tutelarmi, visto che mi è stato detto che non la passerò liscia. La scuola al momento non mi garantisce sicurezza. Ed è passato un messaggio sbagliato: che chiunque ritenga ingiusto un rimprovero nei confronti del proprio figlio può entrare a scuola e picchiare un insegnante, invece che rivolgersi all'istituzione e chiedere spiegazioni di quanto successo".

"Impossibile per me ora non essere a disagio. E penso anche alla sicurezza degli stessi alunni", dice la donna che ha chiesto aiuto ad uno psicologo.

Vota l'articolo:
4.20 su 5.00 basato su 10 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO