UNICEF: entro il 2055 i giovani sotto i 18 anni in Africa supereranno il miliardo

Tra il 2017 e il 2030 è previsto un aumento della popolazione infantile dell’Africa di 170 milioni, portando il numero dei bambini e giovani sotto i 18 anni nel continente a 750 milioni: è quanto scritto nel recente rapporto Generation 2030 Africa 2.0: Prioritizing investment in children to reap the demographic dividend pubblicato dall'UNICEF e riguardante la demografia e l'infanzia in Africa, con le implicazioni per il continente e il mondo.

Attualmente almeno la metà della popolazione del continente ha meno di 18 anni e i bambini rappresentano la maggior parte della popolazione in un terzo dei 55 Stati membri dell’Unione Africana: stando alle stime attuali, il numero dei bambini dell’Africa supererà il miliardo entro il 2055. Ragion per cui entro il 2030 sarà necessario un aumento di oltre 11 milioni di persone formate come personale scolastico e sanitario. Concretamente, l’Africa dovrà avere altri 5,6 milioni di nuovi operatori sanitari e 5,8 milioni di nuovi insegnanti entro il 2030 per rispettare gli standard minimi internazionali nel settore sanitario e per raggiungere le migliori pratiche in campo scolastico a causa della rapida crescita della popolazione.

Sono sostanzialmente tre le aree di intervento indicate da UNICEF: assistenza sanitaria, istruzione e protezione ed empowerment delle donne e delle ragazze.

“Investire nella salute, nella protezione e nell’istruzione deve essere una priorità assoluta per l’Africa da adesso al 2030. [...] Siamo in un momento cruciale per i bambini dell’Africa. Facendo la cosa giusta getteremo le basi per un dividendo demografico che potrebbe far uscire centinaia di milioni di persone dalla povertà estrema e contribuire a diffondere prosperità, stabilità e pace”

ha dichiarato Leila Pakkala, Direttore Regionale UNICEF per l’Africa orientale e meridionale. Gli abitanti dell’Africa raddoppieranno da 1,2 miliardi nel 2016 a 2,5 miliardi nel 2050 e tra il 2015 e il 2030, l’Africa vedrà un aumento del 33% della popolazione in età da scuola primaria, da 189 a 251 milioni. L’incremento maggiore avverrà in Africa Occidentale, con 22 milioni, e in Africa Orientale, con 18 milioni. In Nigeria in particolare, paese preso come esempio dall'ente per l'infanzia delle Nazioni Unite, si stima che nascano il 20% di tutti i bambini dell’Africa e il 5% del totale globale. Secondo le previsioni attuali, entro il 2050, nel mondo, 1 bambino su 13 che nasce sarà nigeriano.

“Immaginiamo il potenziale di 1 miliardo di bambini. [...] Se l’Africa intensificherà adesso i suoi investimenti sui bambini e sui giovani, trasformerà i sistemi per l‘istruzione e darà maggiori strumenti e consapevolezza alle donne e alle ragazze per partecipare pienamente alla vita della comunità, nei luoghi di lavoro e alla vita politica, potrà raccogliere più velocemente, profondamente e più a lungo i dividendi dalla sua transizione demografica.”

ha dichiarato Marie-Pierre Poirier, Direttore regionale dell’UNICEF per l’Africa centrale e occidentale, in un comunicato stampa.

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO